Exemple

4200 delegati sono attesi alla Fortezza da Basso dal 1 al 4 aprile per il 25 ° Congresso Europeo di Psichiatria, organizzato da EPA, la più grande associazione fondata nel 1983 con sede a Strasburgo che rappresenta la psichiatria in Europa con oltre 7.800 membri attivi in tutto il continente e che si concentra sul miglioramento delle cure e sulla crescita di eccellenze professionali.

L’associazione opera su scala europea con progetti in collaborazione con altre importanti organizzazioni di settore, come l’Accademia Europea di Neuro-Psychopharmacology, il Consiglio europeo del cervello (EBC) e l’Unione europea dei medici specialisti (UEMS).

L’evento faciliterà l’apprendimento, la discussione e lo scambio tra gli psichiatri europei e extraeuropei  e  insieme con i leader delle organizzazioni delle parti interessate nel campo della salute mentale. Guidati dal motto Insieme per la salute mentale”, una particolare attenzione del congresso sarà il dialogo tra neuroscienze e scienze sociali, superando la tradizionale separazione tra i domini della biologia e le relazioni umane, che ha ingannato per troppo tempo la professione e l’opinione pubblica.

Exemple

1700 fra cardiologi e addetti ai lavori sono riuniti al Palazzo dei Congressi dal 24 al 26 marzo per il 35° Congresso di Cardiologia “Conoscere e curare il cuore 2017” , il più importante congresso nazionale sui problemi di diagnostica e terapia in cardiologia. L’evento, che privilegia volutamente gli aspetti clinico- pratici sulla ricerca teorica, è promosso e organizzato dal Centro per la Lotta contro l’Infarto, la Onlus nata nel 1982 che riunisce popolazione e medici per la diffusione in Italia dell’educazione sanitaria e della cultura medica per prevenire le malattie cardiovascolari, in particolare l’infarto miocardico, principale causa di morte nei paesdi occidentali.

“Questo congresso – dichiara il Prof.Francesco Prati, Presidente del Centro per la Lotta contro l’Infarto – è il contributo culturale che la nostra Fondazione offre ogni anno ai cardiologi italiani”.

 

Exemple

Dal 23 al 26 marzo torna a Firenze, alla Fortezza da Basso, dopo sette anni, il Congresso internazionale WCO IOF ESCEO sulla ricerca clinica per l’osteoporosi, artrosi e malattie muscolo-scheletriche,  Attesi oltre 3.500 delegati da tutto il mondo fra operatori sanitari, ricercatori e giovani scienziati.

Record assoluto per numero di abstracts presentati in questa edizione: 1436, il più grande mai registrato dall’inizio del congresso. La scelta di Firenze come sede congressuale per eventi di tale portata in questo ambito medico, fu già sperimentata nel 2010. La riconferma della sede congressuale fiorentina anche per questa edizione, ne sottolinea il ruolo di quartiere congressuale d’avanguardia in Italia per gli eventi di aggiornamento sulle malattie delle ossa.

Exemple

Fra le mostre d’arte in campo questa primavera a Firenze Plautilla Nelli. Arte e devozione in convento sulle orme di Savonarola, presso la Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi, a cura di Fausta Navarro, desta interesse e curiosità trattandosi di una monografica dedicata alla prima pittrice d’età moderna,  suor Plautilla Nelli (Firenze, 1524-1588), le cui opere nel tempo del Vasari erano disseminate nei conventi e nelle dimore dei gentiluomini fiorentini. La mostra riscatta la sua memoria storica e le sue opere d’arte troppo spesso, ingiustamente, assegnate a uomini artisti. Continua a leggere Plautilla Nelli, prima pittrice d’età moderna in mostra alla Galleria degli Uffizi fino al 4 giugno 2017

Exemple

Quasi 50 milioni di persone al mondo soffrono di demenze. Per un aggiornamento a tutto campo sulla ricerca sperimentale e clinica in questo ambito di patologia, al via dal 16 al 18 marzo al Palazzo dei Congressi il 22° convegno della SINdem – Associazione Autonoma Aderente alla SIN per le Demenze nell’ambito delle iniziative della Settimana del Cervello.

“Ampia parte delle sezioni scientifiche del Congresso – afferma il Prof. Stefano Cappa, Presidente SINDEM – sarà dedicata a discutere lo stato dell’arte sugli strumenti che consentono una diagnosi nelle fasi iniziali di malattia, in particolare nel caso dell’Alzheimer. Accanto alle novità sui traccianti utilizzabili con la tomografia ad emissioni di positroni, che evidenziano le prime manifestazioni della patologia a livello molecolare, verranno presentati studi sperimentali su altri metodi non invasivi, come quelli neurofisiologici, e su marcatori di malattia a livello dei fluidi corporei”.

In un corso di aggiornamento tenuto dai maggiori esperti del settore verranno affrontati gli aspetti relativi alla genetica. In campo le ultime novità riguardo ad un’area di ricerca attualmente molto attiva, relativo al ruolo dei meccanismi infiammatori e il loro possibile legame con la popolazione microbica intestinale nella genesi della malattia di Alzheimer. Molti interventi riguarderanno la terapia e forniranno un quadro aggiornato degli studi in corso su farmaci indirizzati a modificare il decorso della malattia, senza trascurare il possibile contributo di interventi nutrizionali ed in generale di fattori di prevenzione, argomento che sarà affrontato dalla Prof Kivipelto.

Da sottolineare anche l’attenzione che sarà rivolta ad argomenti di grande rilevanza per il clinico, come la diagnosi e il trattamento dei disturbi del comportamento, uno degli aspetti centrali nella gestione pratica dei pazienti che vivono con la demenza, ed il legame tra il decadimento cognitivo e le patologie cardiache, come la fibrillazione atriale.

Un programma  molto nutrito e da non perdere per chi desideri una panoramica esauriente sulla ricerca nel campo delle demenze.

Exemple

Dal 17 al 19 marzo al Palazzo dei Congressi attesi oltre 300 chirurghi dell’estetica per confrontarsi e fare chiarezza sui traguardi della chirurgia plastica. Intervengono i migliori specialisti italiani e 5 super-ospiti stranieri: gli statunitensi Daniel Baker e Steve Cohen, lo svedese Per Heden, l’australiano Bryan Mendelson e il brasiliano Raul Gonzalez

Nuove generazioni di protesi al seno, punturine sciogli-grasso e tecniche per ringiovanire di 10 anni senza bisturi in una sola seduta: alcune sono novità reali e prevedono l’impiego di tecniche rivoluzionarie o materiali innovativi, altre sono novità presunte o che hanno ancora bisogno di tempo per testare sicurezza ed efficacia. A fare chiarezza nella giungla di trattamenti estetici ci pensano i chirurghi plastici estetici di Aicpe, l’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica che si riuniscono a Firenze dal 17 al 19 marzo per il  Congresso Nazionale dal titolo “La chirurgia estetica”.

“Siamo tempestati da informazioni su tecniche rivoluzionarie che permettono di ottenere risultati strepitosi in poco tempo e senza sforzo – afferma il presidente di Aicpe, Eugenio Gandolfi -. E’ vero che negli ultimi anni la chirurgia e la medicina estetica hanno fatto passi da gigante, permettendo di raggiungere traguardi impensabili fino a poco tempo fa, con tecniche meno invasive e tempi di recupero più rapidi. D’altra parte è anche un settore in cui non ci sono regole ben definite e abbondano i professionisti improvvisati, interessati solo al proprio guadagno, più che alla sicurezza del paziente e alla naturalezza del risultato”.

Nata nel 2011, Aicpe (www.aicpe.org) raggruppa oltre 300 specialisti che si dedicano prevalentemente alla chirurgia plastica a scopo estetico: per accedere all’associazione è necessario superare un rigido percorso di selezione. Rivolgendosi ai soci di Aicpe, il paziente ha quindi la garanzia di scegliere tra medici selezionati.

Il congresso annuale di Firenze offre ai chirurghi plastici la possibilità di confrontarsi e fare il punto su tecniche, strumenti e materiali che realmente funzionano e quelli che invece non danno risultati soddisfacenti. All’evento sono attesi  oltre 300 partecipanti: oltre a importanti chirurghi plastici italiani, interverranno al congresso alcuni tra i più noti specialisti a livello mondiale, in particolare gli statunitensi Daniel Baker e Steve Cohen, lo svedese Per Heden, l’australiano Bryan Mendelson e il brasiliano Raul Gonzalez.

Exemple

Scienziati e ricercatori da tutto il mondo si sono riuniti dal 7 all’11 marzo al Palacongressi e Palaffari per incrociare le proprie esperienze e fare il punto sul rapporto fra fumo e salute. Il Congresso è stato organizzato dalla SRNT (Society for Research on Nicotine and Tabacco) con membri in oltre 40 paesi del mondo.

“Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti – ha spiegato Bruce Wheeler, Executive Director di SRNT – sia da un punto di vista scientifico per gli argomenti trattati sia per il feedback positivo dei partecipanti che sono arrivati a Firenze da più di 25 paesi: Europa, Medio Oriente, Africa, Asia, America Latina, Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti e Canada. Sono rimasti tutti felicissimi di trovarsi  in un bellissimo centro congressi, a due passi dal centro storico di una delle città più belle del mondo,  assistiti da uno staff altamente professionale che, insieme alla qualità  della cucina toscana, ha reso ancora più  unica e indimenticabile la nostra esperienza”.

Fra gli argomenti trattati, anche i molteplici aspetti legati al consumo di tabacco che vanno dalle conseguenze sulla salute fino alle legislazioni in materia, passando dalle sigarette elettroniche e l’interazione tra la nicotina e altre sostanze psicoattive.

Guarda l’intervista al Dr. Bruce Wheeler