Exemple

Per due giorni, dal 28 al 29 settembre, Firenze si è trasformata nella capitale internazionale della creatività. Grande successo per la prima edizione di RECLAME Creative Communication 2018, l’evento dedicato ai professionisti e agli aspiranti che operano nel settore della creatività, nato all’interno del progetto Firenze Fashion, diretto a sviluppare iniziative virtuose con ricadute positive sull’economia, la società e il paesaggio.

La manifestazione, patrocinata dai più importanti enti fiorentini e toscani, in collaborazione con restArte e Firenze Fiera, ha potuto contare su quasi 200 brand, oltre 50 allestimenti creativi ed originali, 30 relatori di alto profilo con un’affluenza di oltre 50.000 visitatori. In mostra  le opere di molti creativi come l’artista di graffiti e pittore Skim (direttore artistico dell’evento), l’illustratore muralista Egeon e Francesco Misseri, fondatore del mitico Studio K di Firenze, autore di molteplici campagne pubblicitarie del Carosello fra gli anni Cinquanta e Sessanta.

“Abbiamo investito oltre 200.000 euro e due anni di ricerca per dar vita a questo evento – dichiara soddisfatto Gregorio Salimbeni, ideatore dell’evento – perché crediamo che questa sia la strada giusta per dare la possibilità ad aziende e giovani di incontrarsi. Il successo e il grande entusiasmo registrati in questa prima edizione è stato tale che molti addetti ai lavori mi hanno già chiesto di dare un taglio internazionale alla seconda edizione, prevista a ottobre 2019″.

Exemple

La Fortezza come set cinematografico. Si svolgono oggi, mercoledì 26 settembre, alla Cannoniera le riprese per una nuova produzione della BBC incentrata sul primo duca di Firenze, Alessandro de’Medici, che nel nel 1534, dopo aver scomodato Michelangelo, strenuo sostenitore delle libertà repubblicane, diede incarico all’architetto di corte Antonio da Sangallo il ‘giovane’ di costruire, nel cuore vivo della città di Firenze, una imponente fortezza a difesa della sua persona, dei suoi familiari e sostenitori. Pochi per la verità, tenuto conto della sua indole violenta e riottosa e del suo governo antidemocratico e inviso ai fiorentini, tanto da decidere di direzionare i cannoni verso Palazzo Vecchio e non fuori città.

Il set sarà allestito nella Cannoniera dove un esperto della dinastia dei Medici e della biografia di Alessandro illustrerà i momenti più salienti della sua vita e della costruzione del fortilizio mediceo, chiamato anche Castello Alessandria e intitolato originariamente al patrono della città, San Giovanni Battista. La scelta del luogo non è casuale e fa riferimento al dipinto di Giorgio Vasari raffigurante il Ritratto di Alessandro agli Uffizi, dove  in lontananza si vede lo scorcio di Firenze ripreso proprio dalla Cannoniera.

Le riprese del film si svolgeranno anche in altri luoghi storici di Firenze come gli Uffizi, il Duomo, Palazzo Medici, Palazzo Vecchio e saranno trasmesse su BBC2 a gennaio 2019.

Exemple

Dopo il successo della prima edizione, con il tema dei ‘Ponti’ inteso come filo conduttore con al centro la parola e la lettura come chiave di comprensione ed incontro delle molteplici sfaccettature della realtà fra passato, presente e futuro, prende il via al  al padiglione Spadolini in Fortezza il Festival del libro di Firenze, la grande kermesse che vede gli editori protagonisti con un calendario ricco di eventi, incontri, show e concerti.

«Numerosi incontri, presentazioni ed eventi cercheranno di ridurre le distanze tra le persone, tra mondi culturali e letterari distanti, tra differenti forme di espressione e di comunicazione – spiega Paolo Cammilli, direttore del Festival – Con questo ambizioso progetto che, lo rivendichiamo con orgoglio, non si avvale di contributi pubblici, vorremmo offrire un luogo di incontro e di scambio, nel quale tutte le realtà culturali ed editoriali possano interagire con un ampio pubblico, condividendo idee e proposte per costruire così nuovi ponti da attraversare insieme».

Tanti gli ospiti tra i quali Alicia Gimenez Bartlett, Stefano Benni, Nanni Moretti, Diego De Silva, Vittorio Giardino, Giacomo Keison Bevilacqua, Sandrone Dazieri, Anna Maria Falchi, Leo Ortolani, Paolo Genovese, Antonio Manzini, Sio, Andrea Scanzi, Leonardo Gori, Sergio Staino, Sara Rattaro, Giuliano Scabia, Gianni Biondillo, Valentina D’Urbano, Federica Bosco, Anna Premoli, Claudio Marazzini, Paolo Crepet, Lorenza Indovina, Marco Vichi, Claudio Piersanti, Roberto Recchioni, Marcello Fois, Giampaolo Simi, Francesco Recami, Valerio Aiolli, Emiliano Gucci, Matteo Bussola, Vladimir Luxuria, Paola Barbato, Roberto Cotroneo.

Numerosi i reading, anche musicali, per permettere un approccio diverso alla lettura, tra cui quello di Nanni Moretti, reading spettacolo di due ore in programma sabato 29. Il regista leggerà Ginzburg e Parise ed alcuni estratti tratti dai “Sillabari” di Goffredo Parise e da “Caro Michele” di Natalia Ginzburg. Domenica 30 sarà la volta di Lorenza Indovina. In programma anche reading di poesia e di letteratura per l’infanzia, ben cinque al giorno, dei classici per ragazzi.

Un’ampia sezione sarà dedicata ai Comics  e al disegno grafico, con ospiti importanti tra cui Vittorio Giardino, Leo Ortolani, Magnasciutti, Tuono Pettinato, Caluri e Pagani, Roberto Recchioni, Sio, Tito Faraci, Giacomo Keison Bevilacqua, Andrea Plazi e molti altri, con appuntamenti e workshop sui tre giorni.

Ampio spazio sarà riservato alla musica: anteprima del festival con Stefano Bollani in piano solo il 26 settembre. Poi sarà la volta di Francesco Tricarico, Roberto Vecchioni, Francesco Motta, Leeroy Thornhill, Modena City Ramblers, Bud Spencer Blues Explosion, Dj Claptone e Ginevra di Marco. Al centro degli appuntamenti anche le illustrazioni e il fumetto, la filiera editoriale, la traduzione, la cucina, il viaggio, l’arte e la fotografia, con mostre legate al tema principale dei ‘Ponti’.

Infine tutti gli autori di libri inediti potranno partecipare alla ‘Borsa degli inediti’ un incontro gratuito con gli editori presenti al Festival. Venerdì 28 Settembre, dalle ore 14 alle ore 17.30 gli autori potranno presentare alle case editrici interessate la loro opera. Saranno accettati tutti i generi letterari, compresa, ovviamente, la poesia. Gli autori dovranno presentarsi con il manoscritto, brevi note biografiche e un’accurata sinossi, che verrà discussa con gli editori.

 

Exemple

Prosegue con successo fino al 26 settembre al Palazzo dei Congressi il 33°World Congress of Biomedical Laboratory Science (IFBLS) con oltre 600 delegati provenienti da 52 paesi, 22 simposi scientifici, 4 workshop e 4 Student Forum Meeting.

“L’obiettivo – ha spiegato la dottoressa Alba Marzo dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze (CoPresidente del Congresso, a fianco di Fernando Capuano) – è quello di divulgare le scienze biomediche di laboratorio, offrendo un diverso punto di vista in un periodo come il nostro nel quale ormai i livelli di automazione sono altissimi ed è quindi sempre più importante interrogarsi su quale sarà il nostro ruolo ed il ruolo del laboratorio nei prossimi anni. Quindi qualità in tutte le fasi del processo analitico, management, ma anche nuove applicazioni delle tecnologie nell’ambito della diagnostica e tempi di risposta sempre più ridotti, telepatologia, utilizzo dei bigdata, analisi predittiva sempre più accurata nella cura ed infine maggior accessibilità al laboratorio, riferendosi anche al ‘laboratorio privato’ che entra nello scenario e diventa competitivo con il laboratorio clinico della sanità pubblica. Tutto cio’ – prosegue Alba Marzo – non puo’ prescindere da una riflessione sul ruolo e sull’etica delle Biomedical Laboraty Scientist nel mondo”.

“Infine – conclude Alba Marzo -uno spazio particolare è stato riservato ai giovani ricercatori con l’allestimento di 4 student forum e la partecipazione attiva di 51 studenti provenienti da tutto il mondo. Sono loro infatti il nostro futuro e quello della nostra professione e quindi a loro è stato riservato un ruolo attivo durante tutta lo svolgimento del congresso”.

 

Exemple

Sabato 22 settembre torna alla Fortezza da Basso Nextech, il festival di musica elettronica giunto alla 12° edizione che quest’anno si svolge fra La Compagnia, la nuova location Club 21 e la Fortezza da Basso. L’evento è organizzato da Atomic Event, Musicus Concentus, Reflex Culture e Tinì e realizzato con il contributo dell’Estate Fiorentina 2018.

Sabato 22 si svolgerà la “tradizionale” chiusura del festival alla Fortezza, un momento caratterizzato come sempre dalle sonorità techno più autentiche. Grande ospite in consolle Amelie Lens, una delle top dj del momento. Sarebbe difficile, se non impossibile, trovare un altro artista la cui carriera è esplosa e cresciuta tanto in fretta come la sua: la giovane belga in poco più di un anno è passata da un relativo anonimato all’essere una delle dj/ producer più richieste al mondo. L’ascesa di Amelie sembra essere avvenuta in un battito di ciglia, ma in realtà la sua etica, la sua padronanza della consolle, il suo saper coinvolgere la folla, e soprattutto la sua innata abilità in studio, costituiscono i solidi ingredienti del suo successo.

Con il suo debutto discografico per l’italiana Lyase, Amelie ha ottenuto una crescente attenzione che l’ha portata velocemente a pubblicare sulla Second State dei Pan-Pot, release seguita da un incredibile EP uscito per  ARTS. Nel frattempo Amelie dà vita al suo personale party Exhale, al Labyrinth Club dove invita gli artisti più all’avanguardia del momento, alternati ad i suoi set “All Night Long” che confermano il suo talento, al pari di artisti con più anni di esperienza. Dall’Awakenings al Circo Loco come al DC-10, Amelie suona nei migliori locali e festival, con una tour schedule mondiale fittissima, che sembra non avere tregua.

A incorniciare la serata i resident dj di Nextech Festival, ovvero i Wooden Crate. Il duo formato da Davide Rosafio e Giuseppe Gonzalez è nato sette anni fa nella scena musicale fiorentina. Negli ultimi due anni sono entrati a far parte di una importante label, la Dirty Session Records di Luca Bear e successivamente hanno iniziato a partecipare ai prestigiosi party ufficiali Cocoon, la storica etichetta di Sven Väth.

 

 

Exemple

Fine settimana all’insegna del Pet alla Fortezza da Basso dove sabato 22 e domenica 23 settembre si svolge FOLLOW YOUR PET, il primo grande evento dedicato ai pet in Toscana con oltre 60 espositori presenti e più di 200 appuntamenti ‘golosi’ per gli amanti degli animali da compagnia (cani, gatti, ma anche cavalli, tartarughe, animali da cortile, fino a lucertole, serpenti e alpaca!): dall’agility e disc dog alle sfilate canine, dai laboratori di “baby veterinario” e “baby conduttore cinofilo” agli show cooking a tema.

In programma domenica mattina  FYP Marathon, una maratona benefica ” a sei zampe” attorno alla Fortezza grazie alla quale verranno raccolti fondi per acquistare un macchinario destinato all’Ospedale Meyer.

I visitatori potranno portare con sé i fiera il proprio animale domestico.

“Si tratta di un evento innovativo – ha dichiarato Alessia Bettini, assessore all’Ambiente del Comune di Firenze – che ci darà tante informazioni per conoscere le buone pratiche, gli usi e tutto quello che riguarda il nostro animale da compagnia, dalla salute all’educazione alimentare”.

“Questa manifestazione è nata con l’idea di riunire in un primo grande evento toscano le diverse sfaccettature che caratterizzano il rapporto di cura e affezione fra noi e i nostri animali domestici”, il commento di Eleonora Sanesi, segreteria organizzativa di FYP.

 

Exemple

Martedì 18 settembre presso la sede di Artex è’ stata presentata a rappresentanti delle associazioni di categoria ed espositori la nuova Mostra dell’Artigianato 2019, ai nastri di partenza alla Fortezza da Basso dal 24 aprile al 1 maggio 2019.

Nuovo concept, nuovo layout espositivo, nuova immagine, nuova strategia di comunicazione, nuovi stimoli e suggestioni, con la nascita di originali officine esperenziali, laboratori del gusto, workshop, mostre e tanti incontri con i protagonisti del ‘fatto a mano’ per una vera e propria esperienza emozionale nel segno del Genio di Leonardo.

Sarà infatti proprio lui, Leonardo da Vinci (nel 500° anniversario della sua morte), portavoce di valori assoluti quali unicità, sperimentazione, innovazione, bellezza e abilità, il leitmotiv di questa 83° edizione completamente rinnovata che, con il coinvolgimento della città e del territorio, punta a diventare un’esperienza emozionale e di acquisto unica, piattaforma commerciale  di promozione del lavoro degli espositori, capace di attrarre un pubblico sempre più qualificato, nuovo e internazionale, attento ai valori dell’artigianato di tradizione e innovazione.

Exemple

Arriva per la prima volta a Firenze il Congresso ICOS (International Conference on Organic Synthesis) che fino a venerdì 21 settembre ospita al Palazzo dei Congressi  il ‘gotha’ internazionale della sintesi organica.

Sono più di 800 i partecipanti, dei quali oltre il 90% provenienti dall’estero (Stati Uniti, Cina, India, Giappone, Australia i principali e numerosi stati europei), in gran parte giovani che si incontrano a Firenze per aggiornarsi sulla sintesi organica, uno degli aspetti più importanti della chimica organica che si occupa della costruzione di molecole, composti di primaria importanza per tutte le altre discipline chimiche e per la vita quotidiana di ciascuno di noi.

L’evento copre l’ampio spettro della sintesi organica evidenziando le ultime tendenze nel campo della sintesi di prodotti naturali, della chimica farmaceutica, della biologia chimica e della sintesi di materiali nano e funzionalizzati, della catalisi, e delle nuove tecnologie sintetiche.

L’evento, giunto alla 22° edizione (in Italia solo nel 1998 a Venezia e fra due anni a Shanghai) è patrocinato da IUPAC (l’Unione Internazionale di Chimica Pura e Applicata) l’organizzazione di riferimento per la Chimica mondiale, dalla Società Chimica Italiana, e dal Dipartimento di Chimica “Ugo Schiff” dell’Università di Firenze.

“Più del 60% degli iscritti sono borsisti e dottorandi, spiega il Presidente del congresso, Prof. Alberto Brandi del Dipartimento di Chimica dell’Università di Firenze, giovani chimici appassionati dei loro studi che anche qua da noi in Italia, come nel resto del mondo, garantiscono un tasso di occupazione altissimo post laurea e post specializzazione”. “Siamo onorati di aver portato a Firenze studiosi di altissimo livello – conclude Brandi – come il Prof. Bernard Lucas Feringa, chimico olandese, che nel 2016 ha ottenuto il premio Nobel per la Chimica per i suoi studi sulla progettazione e la sintesi di nano-materiali e macchine molecolari”.

 

Exemple

Conto alla rovescia per DIDACTA ITALIA che giovedì 13 settembre  è stata presentata a Roma al Miur da Salvatore Giuliano, sottosegretario dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Cristina Grieco, assessora all’Istruzione e Formazione della Regione Toscana, Cristina Giachi, vicesindaca e assessora all’Educazione del Comune di Firenze, Giovanni Biondi, presidente di Indire, Wassilios E. Fthenakis, presidente di Didacta International, e Carlotta Ferrari consigliera di Firenze Fiera.

La mostra quest’anno si presenta ancora più grande, con oltre 31mila metri quadrati di spazi espositivi, più di 190 espositori italiani ed esteri, 190 eventi in programma, tra workshop immersivi, debate e convegni, e un incremento di un terzo delle sale dedicate alla formazione. 190 sono gli eventi e oltre 300 le ore di formazione per il personale della scuola nella tre giorni fiorentina. Tra le novità i workshop dedicati alla fascia 0-6 anni e agli istituti alberghieri.

«È importante che un evento come Fiera Didacta si ripeta e richiami tanti visitatori, soprattutto docenti. La formazione e l’aggiornamento continui dei nostri insegnanti e dei DSGA sono elementi chiave per costruire la scuola del futuro – sostiene il Sottosegretario Salvatore Giuliano – Momenti come Fiera Didacta Italia sono fondamentali in un cammino di cambiamento della nostra scuola.  Fiera Didacta Italia non è solo uno spazio espositivo. È un luogo di crescita e di innovazione a partire dall’incontro. Sono molto soddisfatto dell’impegno del Ministero che rappresento nell’organizzazione di questo evento. Sono coinvolte nella gestione e nell’ideazione di questa Fiera le direzioni di due Dipartimenti del MIUR – quello per il sistema educativo di istruzione e di formazione e quello per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali. Siamo di fronte a una manifestazione collettiva, che mette al centro la scuola nel suo insieme. Una Fiera che poggia su una visione unitaria del nostro sistema di istruzione e formazione. E questo è per me il valore aggiunto: tante finestre aperte su un mondo che è variegato ma unico e ha come obiettivo la formazione di qualità dei nostri ragazzi».

Le aziende espositrici sono più di 190 (main sponsor Samsung – MR Digital), con tante conferme e nuove realtà imprenditoriali italiane e internazionali, comprese importanti organizzazioni ed associazioni che operano nella filiera della scuola e dell’istruzione: dal settore dell’editoria alle tecnologie informatiche, dall’arredo alla refezione.

Tra le altre novità dell’edizione 2018, la sezione dedicata alle Startup e all’innovazione, gestita in collaborazione con i più importanti incubatori nazionali e in sinergia con l’Università di Firenze (attraverso la Fondazione per la ricerca e l’innovazione dell’Ateneo e il Centro di Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e la gestione dell’Incubatore universitario), l’area di Educazione Musicale, le proposte didattiche di alcuni dei principali teatri fiorentini e delle maggiori realtà museali italiane, come il Museo della Scienza di Napoli e gli otto musei fiorentini del progetto Welcome Florence, sostenuto dalla Regione Toscana dal 2016.

«Siamo orgogliosi di avere nel portfolio di mostre dirette una fiera come Didacta Italia – spiega Carlotta Ferrari consigliera di Firenze Fiera – che rispecchia perfettamente gli obiettivi del piano strategico 2018 – 2025 della società e la nostra ambizione di rivestire il ruolo di piattaforma italiana privilegiata per lo sviluppo delle eccellenze internazionali con un elevato contenuto culturale. In questa seconda edizione possiamo contare su tante conferme e su nuove aziende leader italiane e internazionali della filiera dell’istruzione che ci affiancano e credono nel nostro progetto come Samsung – MR Digital, main sponsor della fiera. Grazie anche a loro la nostra sede espositiva, la Fortezza da Basso, unica al mondo per bellezza e spettacolarità dei suoi spazi storici, dal 18 al 20 ottobre si trasforma in un grande laboratorio pulsante di idee e progettualità per la scuola del futuro». 

www.fieradidacta.com

 

Exemple

Firenze, 5 settembre. E’ stata presentata stamani presso la sede della Regione Toscana dall’assessore regionale a istruzione e formazione Cristina Grieco, dal direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Domenico Petruzzo, dal vicesindaco del Comune di Firenze, Cristina Giachi, del presidente di Indire Giovanni Biondi e da Giacinto Bosco di Firenze Fiera, la seconda edizione di FIERA DIDACTA ITALIA, il più importante appuntamento fieristico in Italia dedicato alla formazione e all’istruzione, rivolto a docenti, dirigenti scolastici, educatori, formatori, professionisti e imprenditori del settore scuola e tecnologia.

L’evento, alla Fortezza da Basso dal 18 al 20 ottobre, inserito dal MIUR fra gli eventi previsti dal piano pluriennale di formazione dei docenti, nasce con l’obiettivo di innovare la didattica, favorire il dibattito sul mondo dell’istruzione e creare una nuova piattaforma come luogo di incontro fra le scuole e le aziende del settore.

La mostra si presenta quest’anno più grande e ricca sia nella parte espositiva (ad oggi 170 espositori), con l’ingresso di nuove aziende leader del settore, sia nel programma scientifico con oltre 185 eventi tra workshop immersivi, debate, convegni e incontri organizzati secondo modalità innovative e coordinati dall’ente di ricerca Indire, a capo di un Comitato scientifico formato da Cnr, Istituto degli Innocenti, CRUI e Associazione Italiana Editori e Reggio Children.

L’Università telematica IUL è partner tecnico, con una proposta formativa in modalità blended, che prevede seminari durante la Fiera e attività online sulla piattaforma dell’Ateneo.

Fra le più importanti novità di questa edizione, i workshop per la fascia di età 0 a 6 anni e la sezione dedicata agli Istituti alberghieri. New entry anche lo spazio delle Start up, gestito in collaborazione con i più importanti incubatori nazionali e in sinergia con l’Università di Firenze (attraverso la Fondazione per la ricerca e l’innovazione dell’Ateneo e il Centro di Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e la gestione dell’Incubatore universitario), l’area di Educazione Musicale, l’ingresso in fiera delle proposte didattiche di alcuni dei principali teatri fiorentini e dell’area metropolitana e di alcune importanti realtà museali italiane come il Museo della Scienza di Napoli e gli otto musei fiorentini del progetto Welcome Florence.

Fiera Didacta Italia è organizzata da Firenze Fiera in collaborazione con Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Unioncamere e con Didacta International, grazie al supporto di Camera di Commercio Italiana per la Germania (ITKAM) e di Destination Florence Convention and Visitors Bureau. Fiera Didacta Italia è patrocinata dal Miur, dal Dipartimento delle Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca in Italia, dal Centro Italo-Tedesco Villa Vigoni e da Assocamerestero.