Exemple

Presentato il 35° Congresso Mondiale di Storia dell’Arte, dal 1 al 6 settembre al Palazzo dei Congressi

Tags:

Firenze, 1 luglio 2019 – E’ stata presentato stamani a Villa Vittoria il 35esimo Congresso Mondiale del CIHA (Comité International d’Histoire de l’Art) che dopo quarant’anni torna in Italia a Firenze dal 1 al 6 settembre 2019.

“MOTION: Transformation” rappresenta la prima parte del Congresso mondiale di Storia dell’Arte che per la prima volta si terrà in due paesi diversi a distanza di un anno. La seconda parte intitolata MOTION: Migrations” si svolgerà infatti a San Paolo del Brasile nel settembre 2020. Tema centrale dei due appuntamenti il Movimento, declinato su due dei suoi aspetti principali e più importanti del processo culturale contemporaneo: la Trasformazione e la Migrazione.

L’evento è organizzato dal CIHA Italia in collaborazione con il Kunsthistorisches Institut in Florenz Max-Planck Institut con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e con il supporto  della Getty Foundation di Los Angeles con il patrocinio di MiBAC, Comune di Firenze, Città Metropolitana, Università di Firenze, Camera di Commercio di Firenze e Regione Toscana. Attesi oltre 500 studiosi da tutto il mondo.

Nove le sessioni del congresso volte ad approfondire le varie tematiche del processo creativo e dell’arte: L’arte come visione – L’arte e la materia nel corso del tempo – L’arte e la natura – L’arte e le religioni – L’arte fra disegno e scrittura – Iconicità e processo di produzione in architettura – Arte, potere e pubblico – L’arte, i critici e gli spettatori – Arte come Voyage.

“Abbiamo voluto ospitare questo appuntamento a Villa Vittoria perchè è un importante momento di confronto su temi che a Firenze sono radicati e sentiti. E perché i suoi contenuti contribuiscono a indirizzare le iniziative che stiamo sviluppando come Firenze Fiera, insieme alle nostre istituzioni pubbliche. Manifestazioni e nuovi formati, dedicati all’arte e alle sue relazioni con il pubblico e la città” il commento di Leonardo Bassilichi, presidente di Firenze Fiera.