Exemple

Nextech inaugura il 2018 con il più grande talento musicale che l’Italia abbia espresso negli ultimi anni: tra i dj più amati in tutto il mondo, sabato 26 maggio torna a Firenze Ilario Alicante per un’edizione speciale alla Fortezza da Basso. In apertura, il live set di Voiski, astro nascente della musica techno.

Memore dei suoi esordi, Ilario tornerà sul palco di Nextech Special per onorare i suoi primi 10 anni di carriera, in quello che si preannuncia come uno degli eventi più attesi della primavera in Italia. Profilo internazionale, eppure Ilario è italiano. Di più, è toscanissimo. Da Livorno, in cui è cresciuto ascoltando e mixando ogni genere musicale, si innamora della minimal techno, della house con sfumature latine e si fa conoscere in tutta la Toscana per i suoi djset. Nel 2008 pubblica su Tenax Recordings la hit “Vacaciones en Chile” che lo proietta nel firmamento della musica elettronica. Produzioni successive come l’EP “Living Near Africa” contribuiscono a rafforzarne la credibilità artistica e le sue tracce vengono inserite nei set di artisti come Richie Hawtin e Ricardo Villalobos.

Per maturare musicalmente, decide di spostarsi a Berlino, dove Sven Väth lo arruola tra le punte di diamante della sua Cocoon Recordings. Dall’Awakenings al Time Warp, dal Watergate all’Egg fino agli eventi targati Cocoon, Alicante si esibisce nei festival e nei club più prestigiosi del mondo ed è oggi, una delle personalità più autorevoli del clubbing mondiale.Sebbene abbia iniziato come clubber, si consideri ancora un clubber, e vorrà sempre mantenere questo legame vitale con il dancefloor, Alicante è anche un producer innovativo: dopo aver fondato la Deep Moves, “classica” etichetta underground a Berlino, da un paio d’anni ha sviluppato il nuovo progetto Virgo, vera e propria piattaforma per trasmissioni IDM techno con la quale Ilario diffonde podcast suoi e della sua crew, senza dimenticare potenti release in vinile (ricordiamo “Virgo Storm”) che raccolgono apprezzamenti dai colleghi di tutto il mondo.

Aprirà l’evento il producer francese Voiski, coinvolto in molti progetti tra cui Tropical Agitation, Kartei, Silicate Musique, Polar Inertia. I suoi loop infiniti combinati con ritmi spigolosi introducono in un ambiente sonoro futuristico e sentimentale allo stesso tempo, vera e propria techno sperimentale. Presente in line up di festival come il Dekmantel e padrone di casa in Boiler Room Paris, Voiski è stato incluso nella compilation “Fabric 98” firmata da Maceo Plex e pubblicata ad aprile.

Exemple
Sono circa 3.000 e arrivano a Firenze da tutto il mondo i delegati per il 13° Congresso dell’European Glaucoma Society  che si svolgerà alla Fortezza da Basso dal 19 al 22 maggio. “Ogni nuovo congresso EGS – dichiara il Prof. David Garway-Heath, presidente EGS – si basa sui successi del passato: nuovi standard, un programma scientifico vario e stimolante che conterà ben 20 sessioni e una vasta gamma di corsi di formazione offerti a diversi livelli per soddisfare le diverse esigenze dei nostri delegati. Un’area dedicata ai poster e un ampio spazio espositivo arricchiscono il programma scientifico dell’evento, che è stato in grado di attrarre contemporaneamente apprendisti, oftalmologi  e glaucomatologi. Inoltre , l’ambiente amichevole, informale e multiculturale incoraggio il networking, la condivisione e lo scambio”.
I ricercatori affronteranno le varie problematiche riguardanti il glaucoma (una malattia progressiva che si manifesta di preferenza a livello della papilla del nervo ottico, ma che compare a carico di quasi tutte le altre strutture oculari), con lo scopo di migliorare la comprensione di questa malattia, oltre che fornire un approccio razionale alla sua diagnosi e trattamento.
Exemple

Una kermesse di respiro internazionale dedicata alla conservazione e valorizzazione dei beni culturali, al restauro, ai musei, alla formazione e alla tecnologia, al turismo culturale e ambientale: dal 16 al 18 maggio il Palazzo dei Congressi ospita la VI edizione del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, che dal 2009 rappresenta il principale evento dedicato agli operatori del settore della valorizzazione del patrimonio culturale mondiale.

Oltre 100 gli espositori con aziende provenienti da diversi settori produttivi e dalle principali aree merceologiche di riferimento (Area Restauro e Conservazione, Area Formazione, Area Istituzionale, Area Servizi ai Musei, Area Nuove Tecnologie e Consulenze per la Fruizione dei Beni Culturali, Area Retail, Gadget & Bookshop, Area Turismo dei Beni Culturali, Area Ambiente e Beni Culturali). Anche il MiBACT sarà presente con uno stand e con l’organizzazione di mostre ed eventi. I Paesi espositori sono Cina, Giappone, Guatemala, Spagna, Portogallo e Austria.

Il Salone offre un programma di alto livello culturale aperto al pubblico per tutta la durata della manifestazione. Saranno organizzati eventi per l’Anno Leonardiano, dedicato al 500° dalla morte di Leonardo da Vinci, sulla valorizzazione dei musei, tavole rotonde e giornate di studio dedicate al restauro e alla conservazione, convegni accreditati dagli ordini, corsi di formazione, lectio magistralis, mostre, living lab e molto altro, promossi e realizzati dalle più importanti istituzioni e aziende del settore, a cui prenderanno parte studiosi, ospiti illustri e rappresentanti istituzionali, nazionali e internazionali. Il programma dei convegni, incontri formativi e attività seminariali del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze 2018 è formalmente riconosciuto dalla DG-ER come attività formativa di aggiornamento per il personale del MIBACT.

“È un appuntamento consolidato e molto importante: ogni due anni Firenze accoglie il mondo dell’arte, del restauro e dei beni culturali con espositori provenienti da tutto il mondo, ospitando più di 80 convegni in tre giorni – dichiara Elena Amodei, direttrice del Salone dell’Arte e del Restauro -. Tra gli eventi di punta 2018 ci sarà la conferenza internazionale sul futuro delle tecnologie legate ai beni culturali, Florence Heri-Tech, con delegati internazionali. Il Salone darà inoltre molto spazio alla figura di Leonardo da Vinci: nel 2019 si celebrerà l’Anno Leonardiano e in anteprima dedicheremo molti convegni, iniziative e mostre al genio fiorentino”.
 

Exemple

Sono oltre 250 i partecipanti al 18° Congresso Nazionale della Società Italiana del Midollo Spinale (SIMS) organizzato in collaborazione con l’Unità Spinale di Careggi.

Fra i partecipanti, il Prof. Wyndaele (Presidente della Società mondiale) presenterà le innovazioni in ambito riabilitativo mentre il Prof.Curt riporterà i principali studi sperimentali in corso in Europa con l’obietivo di trovare una cura che possa  far recuperare il cammino e non solo alle persone con lesione midollare.

Saranno presentate le ricerche in ambito italiano e le innovazioni tecnologiche: dalla robotica per il cammino ai nuovi sistemi di controllo della funzione vescicale e intestinale, in collaborazione con i Proff.Madesbacher, Kessler e Kostantinidis della Società Internazionale di Neuro-Urologia.

Verrà data voce anche alle persone con lesioni midollari dalla collaborazione ministeriale per implementare il percorso riabilitativo ospedale-territorio alla richiesta del movimento Disability Pride di una riconosciuta sessualità con il progetto Lovegiver.

Il Prof.Quattrini introdurrà la nuova figura dell’Operatore all’Emotività, all’Affettività e alla Sessualità  (OEAS): il Sex Therapist arriva, dunque, anche in Italia.

Exemple
 Firenze si colora di un’atmosfera magica per coinvolgere tutti coloro che amano creare. La Fortezza Da Basso per tre giorni si propone come location ideale per tutti quanti amano creare, osservare, imparare, a chi vuole trascorrere piacevolmente un po’ del proprio tempo tra colori e materiali, profumi e balocchi e mille idee per regali particolari e unici.

Espositori selezionati proporranno il meglio della loro ricerca nell’ambito del creare e metteranno a disposizione la loro esperienza attraverso consigli, dimostrazioni e corsi che renderanno le vostre mani capaci di realizzare ciò che la vostra ispirazione vi suggerisce.

Patchwork e quilting, tessuti e filati da lavorare e da condire con la fantasia, l’incanto del decoupage e dello shabby per personalizzare le vostre case con dettagli e particolari che nascono dalle vostre emozioni.

Bijoux da realizzare in modo esclusivo con componenti di qualità e suggerimenti finalizzati ad arricchire la vostra voglia di apparire e valorizzarvi. Stoffe e bottoni, pitture e pennelli, ago filo ed intrecci, colla e carte, strumenti da utilizzare durante questo evento per imparare come trasferire la propria passione nelle mani, per ottenere le creazioni che sono rimaste intrappolate nello stadio delle idee e che sono, magari, pronte a diventare realtà.

Un’esperienza da non perdere che sicuramente vi renderà consapevoli delle vostre capacità creative e decorative e che vi coinvolgerà nell’atmosfera magica di Florence Creativity.

Florence Creativity è l’evento che arricchisce gli appassionati di creatività e che segue il suo pubblico anche durante tutto l’anno, come si fa tra amici che condividono la stessa passione, quella di divertirsi creando.

Exemple

Si chiude stasera (9 maggio)  il 10° Simposio Internazionale VTEC 2018 che al Palazzo dei Congressi ha riunito per quattro giorni no stop – dal 6 al 9 maggio – oltre 500 specialisti provenienti da tutto il mondo per discutere di un tema medico-scientifico particolare: i ceppi di Escherichia Coli produttori di Shiga tossine o Verocitotossine (STEC o VTEC), cioè quei microrganismi ad alta patogenicità, la cui presenza negli animali, negli alimenti e nell’ambiente è fonte di gravi rischi zoonosici per l’uomo, che si stanno diffondendo a livello mondiale, come la sindrome emolitico-uremica e la colite emorragica.
L’evento, con cadenza triennale, torna in Italia dopo oltre 20 anni (nel 1994 si è svolto a Bergamo) e nel 2021 si terrà in Canada.
“Siamo molto soddisfatti – dichiara il Dott. Stefano Morabito dell’Istituto Superiore di Sanità e responsabile del Comitato organizzatore locale – Abbiamo lavorato con tenacia per tre anni per portare il congresso in questa città e direi che le attestazioni che ho già ricevuto da tanti partecipanti confermano che è stata la scelta giusta. La location, una sede congressuale all’interno di una villa ottocentesca nel cuore di una delle città più belle del mondo, e la messa a punto di un programma scientifico vincente è stata la combinazione perfetta per il successo dell’evento”.
“A questa edizione – conclude Morabito – hanno partecipato per la prima volta attivamente molti giovani ricercatori provenienti non solo da vari paesi europei ma anche da Stati Uniti, Sud America, Africa e paesi asiatici che sono rimasti entusiasti nell’unire la partecipazione alle varie sessioni del congresso con il trovarsi per quattro giorni a Firenze, a due passi dai principali monumenti ed opere d’arte della città”.

Exemple

Dal 10 al 13 maggio al Palazzo dei Congressi si svolge il Congresso anuale dell’ECVO (European College of Veterinary Ophthalmologists. Nella tre giorni di lavori si confronteranno i più importanti specialisti nel campo dell’oftalmologia veterinaria. Attesi oltre 350 addetti ai lavori provenienti da tutta Europa.

L’ECVO è l’unico organismo professionale nel campo dell’oftalmologia veterinaria ufficialmente riconosciuto dall’European Board of Veterinary Specialization (EBVS). Il suo obiettivo principale è quello di fornire cure specialistiche per gli animali  affetti da malattie oftalmiche tramite specialisti europei specializzati in Oftalmologia veterinaria, che possono offrire un servizio di altissima qualità e sicurezza ai proprietari degli animali.

Il tema generale dell’incontro 2018 sarà “Ocular Surface” e potrà contare sulla collaborazione della Società Italiana di Oftalmologia  (SOVI).

 

 

Exemple
Dal 6 al 9 maggio si svolgerà al Palazzo dei Congressi il 10° Simposio Internazionale VTEC sugli Escherichia Coli produttori di Shiga tossine. Attesi oltre 500 addetti ai lavori per discutere degli aspetti zoonosici legati alla prevenzione e diagnosi di E.Coli ad alta patogenicità negli alimenti e nell’ambiente, in chiave One Health.
I ceppi di Escherichia Coli produttori di Shiga tossine o Verocitotossine (STEC o VTEC) sono microrganismi ad alta patogenicità, la cui presenza negli animali, negli alimenti e nell’ambiente è ritenuta fonte di rischi zoonosici per l’uomo prioritari ed emergenti a livello mondiale (Sindrome Emolitico-Uremica; Colite Emorragica).

La presenza potenziale di molteplici fattori del genoma del microrganismo in grado di esprimere virulenza, e resistenza ambientale, conferiscono ai VTEC caratteristiche di plasticità che richiedono approcci integrati per il controllo delle infezioni. Gli ultimi aggiornamenti relativi allo studio del loro genoma, della microbiologia molecolare e cellulare nei vari contesti ecologici, della patogenesi, diagnosi, trattamento ed epidemiologia delle infezioni, verranno illustrati e discussi dai più rinomati esperti internazionali.

L’evento è organizzato da un comitato locale coordinato dal Laboratorio Europeo di Riferimento per VTEC (EU RL VTEC- www.iss.it/vtec) presso l’ Istituto Superiore di Sanità.

Exemple

Evento a ingresso libero lunedì 7 maggio al Palazzo degli Affari per i sostenitori del Comitato del sì per la nuova pista dell’aeroporto di Firenze, al quale sono invitati tutti i cittadini che abbiano a cuore lo sviluppo del territorio e la riqualificazione di una regione attraverso infrastrutture appropriate, innovative e ambientalmente sostenibili.

Sarà una vera e  propria festa , promossa dalle imprese di Firenze  e della Toscana, dove si alterneranno momenti di informazione sull’infrastruttura e occasioni di divertimento con tanti testimonial che hanno deciso di dire sì allo sviluppo. Tanti i consensi già arrivati tramite un appello on line sottoscritto da decine di imprese piccole e grandi, da Caffé Dogali a Nuovo Pignone, da Penko a Thales, da Vivoli a Starhotels, da Sesa a Savino Del Bene.

INFO: www.siaeroporto.org

Exemple

Si è chiusa superando il successo degli anni passati l’82° edizione della Mostra Internazionale dell’Artigianato. Negli undici giorni di apertura, la mostra ha totalizzato 97.712 visitatori contro una media di 95.018 degli ultimi otto anni (dal 2010). Picchi di affluenza nelle giornate di mercoledì 25 aprile e lunedì 30 aprile. Numeri che rafforzano il ruolo della manifestazione fiorentina nel panorama fieristico nazionale e internazionale.

«Ringrazio tutti coloro che hanno investito nella qualità e che hanno contribuito al successo della manifestazione. Sono loro che ci stimolano a lavorare sempre di più nella direzione dell’eccellenza e dell’innovazione, particolarmente adatta a un contesto come quello della Fortezza da Basso e di Firenze in genere. Lavoreremo per fare sì che questa eccellenza sia sempre di più patrimonio di tutti, come ha dimostrato l’Opificio delle Pietre Dure che per la prima volta nella storia ha aperto le proprie porte ai visitatori della mostra», ha detto Leonardo Bassilichi, presidente di Firenze Fiera.

Infatti, l’edizione che si è appena conclusa si è distinta rispetto al passato per un consistente incremento nel giro di affari relativo ai prodotti di qualità. Quello che, in questi giorni, ha affollato i padiglioni espositivi della Fortezza da Basso è stato un pubblico sempre più attento al contenuto artistico, all’esclusività e alla bellezza dei prodotti proposti dai tanti artigiani presenti. Il dato conferma che i visitatori riconoscono e premiano l’eccellenza di quegli espositori che hanno scelto la mostra per proporre le loro creazioni artigianali e rappresenta quella che sarà la linea da seguire nelle prossime edizioni.

Già al lavoro per la prossima edizione, Firenze Fiera ha deciso di investire in qualità e internazionalizzazione per valorizzare ancora di più la mostra con la creazione di un board di esperti che sarà selezionato nelle prossime settimane e stabilirà le linee guida che caratterizzeranno l’edizione del 2019.