Exemple

Attesi 2.600 delegati a Firenze Fiera nel biennio 2018/2019 per i 3 congressi vinti nell’ultimo trimestre

Tags:

Grazie al lavoro di squadra fra Firenze Fiera, Firenze Convention Bureau, Comune di Firenze e PCO, il business congressuale fiorentino gode ottima salute, anzi è in costante crescita.  Fra i numerosi eventi del comparto congressuale 3 sono i congressi vinti nell’ultimo trimestre in calendario quest’anno e l’anno prossimo nei nostri spazi.

Il primo, in ordine cronologico, si svolgerà a maggio 2018. Si tratta della General Assembly of the European Spice Association (23-26 maggio), che sbarca per la prima volta in Italia al Palazzo dei Congressi con oltre 300 delegati. L’evento è organizzato dal PCO fiorentino Scaramuzzi Team.

Nel mese di ottobre sarà la volta del congresso TIES – Ecotourism and Sustainable Tourism Conference – ESTC (15-18 ottobre 2018), candidatura vinta grazie al lavoro sinergico tra Firenze Fiera e Firenze Convention Bureau. L’evento, per la prima volta in Italia, in programma al Palacongressi e Palaffari, prevede la partecipazione di circa 600 delegati. Toscana promozione turistica ha favorito l’incontro con il cliente, avvenuto poi in occasione della fiera di IMEX di Francoforte 2017 in presenza dell’Assessora al turismo del Comune di Firenze Anna Paola Concia. Grazie al supporto istituzionale e al lavoro di squadra della destinazione, l’associazione fin da subito ha scelto Firenze per l’organizzazione del congresso.

Di grande rilevanza nel 2018 è il ritorno dell’associazione svizzera EAACI che, dopo aver organizzato il suo board meeting nel 2016, ha deciso di organizzare a Firenze EAACI – PAAM 2019 – Pediatric Allergy and Asthma Meeting con circa 1.700 esperti di malattie respiratorie pediatriche. Questo è stato un grande esempio di collaborazione tra FCB e Firenze Fiera che hanno ospitato ad ottobre 2017 l’agenzia Erasmus di Atene, core PCO di questo congresso, a cui sono state presentate le possibilità che la destinazione può offrire e determinando la vittoria della candidatura.

“Il congressuale rappresenta una componente essenziale dell’economia turistica di un territorio e il polo congressuale fiorentino è da sempre una delle mète più importanti, in Italia, per i più importanti congressi nazionali ed internazionali”, afferma Leonardo Bassilichi, presidente di Firenze Fiera. “Dovremo puntare tutti di più su una rinnovata cultura non soltanto concettuale ma anche operativa della meeting industry come asset strategico del nostro territorio, mettendo a disposizione know how specifici e dotazioni strutturali cioè spazi congressuali adeguati alle esigenze di mercato, all’avanguardia per dotazioni tecnologiche e altamente competitivi per l’unicità e la bellezza impareggiabile delle location, specie di quelle sale e ambienti che conquistano per l’alto valore storico ed emozionale, che non si possono ritrovare da nessuna altra parte d’Italia e del mondo”.    

I risultati della nostra città sono in costante crescita, ha dichiarato Carlotta Ferrari, Direttrice del Firenze Convention Bureau “. “Il piano incentivi, creato tra i principali operatori del settore turistico fiorentino e la nostra partnership con il Comune sono state fondamentali per Firenze, che è stata infatti inserita tra le prime 5 destinazioni italiane richieste per congressi ed eventi corporate del 2017*” (*dato Convention Bureau Italia).

Questi risultati confermano che Firenze è una città che si sa proporre e si sa innovare nel mondo. Un risultato ottenuto grazie alle persone che rappresentano le imprese, le università, le associazioni e al lavoro del Comune di Firenze che si pone come facilitatore per coloro che vogliono organizzare congressi a Firenze. Questo è un elemento di grande competitività con le altre destinazioni”, il commento di Anna Paola Concia, Assessore al Turismo del Comune di Firenze.