Exemple

Elogio del dettaglio: la natura nei dipinti su paravento giapponese dal XV al XVII secolo in mostra agli Uffizi

Uno spaccato della cultura e delle ‘vaporose’ e soffuse atmosfere dei paesaggi del ‘Sol Levante’ a Firenze.

Fino al 7 gennaio 2018 l’Aula Magliabiechiana al pian terreno degli Uffizi ospita la mostra Il rinascimento giapponese. La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo” organizzata dalla Galleria degli Uffizi in collaborazione con l’Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone, un evento da non perdere che mette in scena una preziosa selezione di opere per la prima volta presenti in Europa ed esposte in Italia: 39 grandi pitture di paesaggio e natura nel classico formato del paravento pieghevole (byobu) e delle porte scorrevoli (fusumae). Riflettori puntati sul periodo d’oro della produzione artistica giapponese, tra l’epoca Muromachi e l’inizio dell’epoca Edo (XV – XVII secolo) con pitture a tratti severe, monocrome ed evocative adatte a abbellire templi e residenze di samurai secondo i gusti della classe guerriera dell’epoca, a tratti più dolci che insistono su fondi oro e campiture piatte di colore nelle quali si stagliano delicati elementi naturali, adatte per arredare le lussuose residenze aristocratiche e borghesi e castelli ed i palazzi.

“La mostra – ha dichiarato il Ministro dei beni culturali Dario Franceschini – corona un intenso anno di scambi culturali tra l’Italia e il Giappone nel 150° anniversario delle relazioni diplomatiche bilaterali, intraprese con la firma del Trattato di Amicizia e di Commercio il 25 agosto 1866”.

www.gallerieuffizimostre.it

(Fiamma Domestici)