Exemple

La riscoperta di Giovanni dal Ponte, protagonista dell’Umanesimo tardogotico fiorentino

Nel ricco panorama della cultura artistica fiorentina agli albori del Quattrocento un ruolo importante fu svolto da Giovanni dal Ponte (Firenze 1385- 1437/8) che una bella mostra curata da Angelo Tartuferi e Lorenzo Sbaraglio, intitolata Giovanni dal Ponte protagonista dell’Umanesimo tardogotico fiorentino, in corso alla Galleria dell’Accademia fino al 12 marzo 2017 mette in evidenza.   Si tratta della prima monografica sull’artista come spiega Cecilia Hollberg, direttrice del museo, al secolo Giovanni di Marco ricordato come Giovanni dal Ponte nelle Vite del Vasari per il fatto di aver vissuto e lavorato in bottega nella parrocchia di Santo Stefano al Ponte, che colma una carenza di studi e conoscenza avvertita da tempo nell’ambito degli studi storico-artistici.

50 le opere esposte di questo artista versatile e attento agli stimoli novatori degli artisti del suo tempo (da Gherardo Starnina  a Lorenzo Monaco, da Masaccio a Ghiberti, Beato Angelico e Masolino)  la cui inventiva e preziosità cromatica e materica è adesso enfatizzata da un allestimento di forte impatto scenografico secondo le direttive dell’architetto Piero Guicciardini dello studio Guicciardini-Magni, privilegiando la suggestione delle luci sui preziosi fondi oro che si stagliano sul velluto nero ovattato dei pannelli di fondo.

A fianco del grande trittico con l’ “Incoronazione della Vergine e quattro Santi”  che un appropriato restauro ha riportato al suo originario splendore disegnativo e cromatico (si legga in tal senso il tappeto che ha riacquistato il suo verde brillante tappezzato di ricchi racemi dorati), è possibile ammirare tanti altri capolavori come la “Madonna col Bambino in trono” proveniente dalla chiesa di Badia ed entrata a far parte delle collezioni del museo e altre opere provenienti da prestigiose istituzioni museali come la National Gallery di Londra, il Prado di Madrid, il Museo di Baltimora, il Philadelphia Museum of Art di Philadelphia ecc.

Orario di apertura: martedì-domenica ore 8.15-18.50, ingresso 12,50 euro

(Fiamma Domestici)