Exemple

Torna in Fortezza Nextech, il festival di musica elettronica

Tags:

Sabato 22 settembre torna alla Fortezza da Basso Nextech, il festival di musica elettronica giunto alla 12° edizione che quest’anno si svolge fra La Compagnia, la nuova location Club 21 e la Fortezza da Basso. L’evento è organizzato da Atomic Event, Musicus Concentus, Reflex Culture e Tinì e realizzato con il contributo dell’Estate Fiorentina 2018.

Sabato 22 si svolgerà la “tradizionale” chiusura del festival alla Fortezza, un momento caratterizzato come sempre dalle sonorità techno più autentiche. Grande ospite in consolle Amelie Lens, una delle top dj del momento. Sarebbe difficile, se non impossibile, trovare un altro artista la cui carriera è esplosa e cresciuta tanto in fretta come la sua: la giovane belga in poco più di un anno è passata da un relativo anonimato all’essere una delle dj/ producer più richieste al mondo. L’ascesa di Amelie sembra essere avvenuta in un battito di ciglia, ma in realtà la sua etica, la sua padronanza della consolle, il suo saper coinvolgere la folla, e soprattutto la sua innata abilità in studio, costituiscono i solidi ingredienti del suo successo.

Con il suo debutto discografico per l’italiana Lyase, Amelie ha ottenuto una crescente attenzione che l’ha portata velocemente a pubblicare sulla Second State dei Pan-Pot, release seguita da un incredibile EP uscito per  ARTS. Nel frattempo Amelie dà vita al suo personale party Exhale, al Labyrinth Club dove invita gli artisti più all’avanguardia del momento, alternati ad i suoi set “All Night Long” che confermano il suo talento, al pari di artisti con più anni di esperienza. Dall’Awakenings al Circo Loco come al DC-10, Amelie suona nei migliori locali e festival, con una tour schedule mondiale fittissima, che sembra non avere tregua.

A incorniciare la serata i resident dj di Nextech Festival, ovvero i Wooden Crate. Il duo formato da Davide Rosafio e Giuseppe Gonzalez è nato sette anni fa nella scena musicale fiorentina. Negli ultimi due anni sono entrati a far parte di una importante label, la Dirty Session Records di Luca Bear e successivamente hanno iniziato a partecipare ai prestigiosi party ufficiali Cocoon, la storica etichetta di Sven Väth.