Exemple

Firenze, 19 ottobre 2020. Sarà un’edizione speciale con importanti novità quella che aprirà i battenti alla Fortezza da Basso dal 6 all’8 febbraio 2021. In scena l’eccellenza del tessile per la casa, nautica, spa, contract & hotellerie insieme alla presentazione delle collezioni 2022 underwear, lingerie e homewear dei più prestigiosi brand a livello internazionale.

Buyer di department store, concept store, distributori, key player dei due comparti produttivi, ma anche opinion leader, giornalisti, influencer e blogger di settore potranno visitare al padiglione Spadolini le proposte 2021 di FIRENZE HOME TEXSTYLE (organizzata da Firenze Fiera) e IMMAGINE ITALIA & Co, un’edizione speciale che segna l’inizio di un sodalizio tra i due saloni B2B, che per la prima volta uniscono know how e competenze specifiche per un progetto comune e speciale: diventare la più importante piattaforma di riferimento in Italia per tutti gli operatori delle due filiere.

Al suo debutto, HUB, la prima vetrina virtuale di presentazione delle nuove collezioni che si integrerà con la gestione del salone fisico. La piattaforma digitale sarà resa disponibile a partire dal prossimo mese di gennaio 2021 e permetterà a visitatori e buyer di fissare appuntamenti agli stand e programmare, con largo anticipo, la propria giornata lavorativa in fiera. Un nuovo servizio on line messo a disposizione di tutte le aziende partecipanti dove presentare i propri prodotti con strumenti di networking su misura.

Potenziato anche il portale accrediti che consentirà la creazione in autonomia del biglietto valido per l’ingresso ai due saloni e l’accesso ai contenuti esclusivi della vetrina virtuale HUB.

Parola d’ordine dell’edizione 2021 sarà dunque integrazione. A partire dall’immagine unica e coordinata delle due fiere che per la prima volta confluiscono in un unico evento all’interno del quale le risorse digitali supporteranno e favoriranno il buon esito della fiera fisica.

Grazie al nuovo accordo fra gli organizzatori saranno inoltre 300 i buyer accreditati ospiti in visita ad entrambe le fiere.

Un’edizione, quella 2021, con un concept nuovo e sinergico, programmata e studiata dunque fin nei minimi dettagli per favorire la partecipazione all’evento in assoluta sicurezza, grazie anche al protocollo Firenze Fiera Sicura che garantirà le procedure essenziali e il rispetto delle normative vigenti per la salvaguardia della sicurezza di espositori e visitatori.

 

Exemple

Firenze, 15 ottobre 2020 – Due giorni di bilanci e progetti sulla trasformazione della scuola, un’opportunità per confrontarsi online con specialisti del settore sul futuro della scuola. Si è concluso ieri “Verso Fiera Didacta 2021”, l’evento online – suddiviso in quattro panel nei giorni del 13 e 14 ottobre – al quale hanno partecipato oltre 4mila docenti. L’evento è stato un primo passo verso la quarta edizione di Fiera Didacta Italia, che si terrà alla Fortezza da Basso di Firenze, dal 17 al 19 marzo 2021.

La prima giornata si è aperta con il videomessaggio della Ministra all’Istruzione Lucia Azzolina, che ha salutato l’evento Verso Fiera Didacta 2021 come “una grande occasione per docenti, dirigenti e personale amministrativo per confrontarsi, seppur a distanza, con altri colleghi e con esperti del mondo dell’istruzione”.

Nel primo giorno sono state affrontate le tematiche sull’educazione prescolare nell’era della digitalizzazione (0-6 anni) e la didattica in rete, riflettendo sulle necessità di sfruttare le opportunità che il digitale ci ha fatto scoprire in questi mesi per cambiare il modello scolastico e l’organizzazione della didattica.

La seconda giornata si è aperta con un’ampia analisi sulle Architetture scolastiche e su come lesperienza della pandemia, le opportunità del recovery fund, possano rappresentare un’occasione irripetibile di cambiamento strutturale.

La due giorni di Verso Fiera Didacta 2021 si è conclusa con una tematica sui nodi dell’autonomia scolastica che dopo il suo varo, risalente ad oltre 20 anni fa, è rimasta ancora largamente incompiuta.

“Verso Fiera Didacta – ha dichiarato Giovanni Biondi, Presidente di Indire – ha offerto l’opportunità a molti dirigenti, docenti e addetti ai lavori di poter riflettere su tematiche di grande interesse per il futuro della scuola. La partecipazione dei rappresentanti istituzionali, in primis la Ministra Azzolina e la Viceministra Ascani, insieme a un vasto panel di esperti, ha dato vita a un dibattito di alto profilo scientifico”.

“In questi due giorni on line preparatori di Didacta Italia 2021 sono state presentate alcune delle tematiche più importanti e strategiche sulla riorganizzazione della scuola, che saranno riprese e sviluppate durante la prossima edizione della fiera”, il commento di Paola Concia, coordinatrice del Comitato organizzatore. “Il successo di questo evento grazie al coinvolgimento attivo di specialisti e esperti del mondo dell’istruzione e alla partecipazione di un numero così alto di docenti da tutta Italia, ci spinge a proseguire tutti insieme con ottimismo, unendo forze, risorse e competenze specifiche nella programmazione della quarta edizione di Fiera Didacta Italia 2021 che si svolgerà alla Fortezza da Basso dal 17 al 19 marzo prossimo”.

 

Exemple

Firenze, 12 ottobre 2020. VERSO FIERA DIDACTA 2021 – Da eventi straordinari, cambiamenti straordinari è l’evento in streaming di FIERA DIDACTA ITALIA, che si svolgerà il 13 e 14 ottobre prossimo.

Due giorni di bilanci e progetti sulla trasformazione della scuola, un’occasione da non perdere per confrontarsi on line con gli specialisti del settore, per discutere insieme sul futuro della scuola e fare un primo passo verso FIERA DIDACTA 2021, che si terrà, per il quarto anno consecutivo, alla Fortezza da Basso di Firenze dal 17 al 19 marzo 2021. Quattro gli eventi in programma, ai quali parteciperanno oltre 4mila docenti.

In apertura del primo giorno martedì 13 ottobre alle ore 15, interverrà con un video messaggio la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Il primo appuntamento è con L’educazione prescolare nell’era della digitalizzazione: un necessario riorientamento.  Al vaglio i molteplici ed inediti scenari aperti con la recente riforma che ha inserito lo 0-6 all’interno del sistema di istruzione in modo organico. Il tema dell’uso delle tecnologie nell’infanzia si è rivelato, alla luce dell’esperienza di questi mesi, un aspetto controverso che richiede un dibattito approfondito.

Partecipano: Anna Ascani, vice Ministra dell’Istruzione, Giancarlo Cerini Presidente Commissione per il sistema integrato “Zerosei”, Wassilios Fthenakis Presidente Onorario Didacta International, Maria Antonietta Salvucci e  Daniela Marrocchi del Ministero dell’Istruzione, Immacolata Aievoli dell’Istituto Comprensivo Via Baccano di Roma, Anna Maria Idile, Istituto Comprensivo Primo Levi di Marino (RM).

Moderatrice: Maria Assunta Palermo, Direttore Generale MIUR

Si parlerà di Didattica in rete: il digitale come risorsa nella seconda sessione dei lavori (dalle 17 alle 19), dove verrà affrontata la tematica delle necessità di sfruttare le opportunità che il digitale ci ha fatto scoprire in questi mesi per cambiare il modello scolastico e l’organizzazione della didattica. Partecipano:

Partecipano: Claudio Gagliardi, Dirigente area formazione e politiche attive del lavoro di Unioncamere, Stefania Bassi, Ministero dell’Istruzione, Tommaso Minerva, Presidente Società Italiana di e-Learning (SIe-L), Pierpaolo Limone, Rettore Università di Foggia, Elisabetta Mughini, Dirigente di Ricerca INDIRE, Wassilios Fthenakis, Presidente Onorario Didacta International, Pier Cesare Rivoltella, Presidente Sirem,

Moderatore: Giovanni Biondi, Presidente INDIRE

Mercoledì 14 ottobre, la seconda giornata si apre con Architetture scolastiche per una nuova organizzazione della didattica (dalle 15 alle 17). L’esperienza della pandemia, le opportunità del recovery fund, possono rappresentare un’occasione irripetibile di cambiamento strutturale. Cambiare gli ambienti rappresenta infatti un acceleratore importante per l’innovazione del modello scolastico: “Lo spazio insegna”.

Partecipano: Leonardo Tosi, Ricercatore INDIRE, Vanessa Pallucchi, Presidente Nazionale Legambiente Scuola e Formazione, Valentina Bianchi, Associazione nazionale costruttori edili (ANCE), Giuseppe Capocchin, Presidente CNAPPC – Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori.

Moderatrice: Rossella Muroni, Deputata – Camera dei Deputati

Una scuola in mezzo al guado: l’autonomia scolastica incompiuta è l’ultimo evento della due giorni di VERSO FIERA DIDACTA 2021 (mercoledì 14 ottobre dalle 17 alle 19). Verranno affrontati i nodi spinosi dell’autonomia scolastica che dopo il suo varo risalente ad oltre 20 anni fa, è rimasta ancora largamente incompiuta. Una autonomia incompiuta rischia infatti di frenare processi di innovazione ormai irrinunciabili.

Partecipano: Antonello Giannelli, Presidente Associazione Nazionale Presidi (ANP), Roberto Pellegatta, Direttore della rivista ‘Dirigere scuole’ (DiSAL), Angelo Paletta, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Paola Nencioni, Ricercatrice Indire,

Moderatore: Patrizio Bianchi, Professore Università di Ferrara – Assessore della Regione Emilia Romagna.

Exemple

Firenze, 12 ottobre 2020.  Torna alla Fortezza da Basso di Firenze per il terzo anno consecutivo FIRENZE HOME TEXSTYLE, la più importante fiera in Italia sul tessile per la casa, nautica, spa, contract & hotellerie, un appuntamento irrinunciabile per le aziende più qualificate ed i brand più prestigiosi e dinamici del settore.

Il salone, promosso e organizzato da Firenze Fiera con la collaborazione di Acropoli Srl di Bologna si svolgerà dal 6 all’8 febbraio 2021 in concomitanza con la XIV^ edizione di IMMAGINE ITALIA & CO., Anteprima Collezioni Intimo-Lingerie.

FIRENZE HOME TEXSTYLE, forte del successo 2020 (10.000 i visitatori, in crescita del 19% rispetto all’edizione precedente) e con una sempre più ampia offerta commerciale, è rivolta a buyer di department store, concept store e negozi di arredamento e key player del settore a caccia dei nuovi trend, materiali, stili e mood del momento

La mostra aderisce a Firenze Fiera Sicura, il nuovo protocollo di sicurezza normativo e organizzativo varato da Firenze Fiera per la ripartenza in sicurezza degli eventi nel quartiere fieristico-congressuale fiorentino.

Esserci fa la differenza: esporre a Firenze Home Texstyle significa intrecciare nuove relazioni con buyer, retailer, interior designer, concept store, negozi di arredamento, i principali canali distributivi, oltreché giornalisti, influencer e blogger di settore, rafforzando la propria brand awareness e contribuendo alla crescita della community più innovativa del comparto produttivo tessile nazionale. Settore, quello manifatturiero per la casa che, secondo le ultime rilevazioni ISTAT, impiega oltre 20 mila addetti in più di 4 mila unità produttive per un valore totale di export superiore ai 900 milioni di euro nel 2019.

Negli oltre 11mila metri quadrati del piano inferiore del Padiglione Spadolini si potranno ammirare le nuove collezioni di biancheria per la casa, le ultime proposte in tema di tappezzeria, tendaggi, tessuti per l’arredo, tessile per spa, tessile per la nautica, contract, hotellerie, editoria tessile, fragranze. In mostra un ampio ed articolato campionario di prodotti per la casa e l’ambiente indoor e outdoor con un’attenzione particolare a lavorazioni e materiali etici ed ecosostenibili.

L’ingresso a Firenze Home TexStyle è riservato agli operatori. Sarà possibile accedere alle aree espositive di Firenze Home Texstyle e Immagine Italia & Co. dal medesimo ingresso, mediante la registrazione di un solo accredito on line.

Orari di apertura: Sabato 6 e Domenica 7 febbraio: dalle 9 alle 18 – Lunedì 8 febbraio: dalle 9 alle 16

 

 

Exemple

Firenze 1 ottobre 2020. Con la XXXVII° edizione di CONOSCERE E CURARE IL CUORE è ripartita l’attività congressuale di Firenze Fiera. L’evento, che si svolge alla Fortezza da Basso fino a domenica 4 ottobre è promosso e organizzato dal Prof. Francesco Prati, presidente della Fondazione “Centro Lotta contro l’Infarto” con sede a Roma ed accoglie nei padiglioni principali (Spadolini, Cavaniglia e Nazioni) e in altri ambienti del fortilizio mediceo quali Ronda, Polveriera, Ghiaie e Volta, oltre 1.300 cardiologi provenienti da tutta Italia.

Il congresso, inizialmente previsto a marzo, posticipato poi a luglio e infine nelle date attuali, aderisce a Firenze Fiera Sicura, il nuovo protocollo di sicurezza normativo e organizzativo varato da Firenze Fiera per la ripartenza in sicurezza degli eventi (https://firenzefiera.it/wp-content/uploads/2020/09/FIRENZE%20FIERA-PROTOCOLLO%20EMERGENZA%20COVID19.pdf)

Grazie alla sinergia di competenze specifiche messa in atto fra Firenze Fiera e la Fondazione per assicurare il pieno rispetto del distanziamento e di tutte le norme anticontagio previste, l’evento, che si attesta fra i primi congressi in presenza in Italia in fase post COVID, si sta svolgendo in assoluta sicurezza.

“Si tratta del primo convegno nazionale in presenza a Firenze nell’era Covid – dichiara Leonardo Bassilichi presidente di Firenze Fiera – organizzato per un cliente importante e fidelizzato da oltre 30 anni, come la Fondazione “Centro Lotta contro l’Infarto’ che ringrazio per la determinazione e il coraggio. L’evento, allestito in totale sicurezza nei vari padiglioni e sale della Fortezza, con più di mille cardiologi che hanno deciso di esserci, è la conferma che unendo le forze possiamo farcela”.

Numerose le innovazioni tematiche di questa edizione: dalla definizione dell’interconnessione quale nuovo paradigma nella lettura delle patologie, alle tecniche di imaging, dagli scenari di medicina personalizzata, ai benefici indotti dalle tecniche interventistiche, sempre più innovative.

Dedicare le giuste ore al sonno, seguire quotidianamente una corretta igiene orale così come non saltare la colazione del mattino risultano abitudini salutari ed amiche del cuore.

Fra i vari temi al vaglio anche quello della salute delle donne che risultano essere le più colpite dalla sindrome coronarica da dissezione coronarica per arrivare all’ultima generazione di farmaci per il diabete.

Ampio spazio anche al COVID-19: quale lezione abbiamo imparato dal covid-19? Il congresso costituisce infatti il primo importante momento di confronto scientifico in presenza grazie al quale i cardiologi italiani, lontano dalla frenesia dell’emergenza e della pressione mediatica, si confrontano, interrogano e condividono quanto è successo per elaborare le prime riflessioni sistematiche.

 

Exemple

Firenze, 29 settembre 2020. Cinque mezze giornate in ‘full digital’: venerdì 2 e sabato 3  ottobre e da giovedì 8 a sabato 10 ottobre per il XXI Congresso Nazionale della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia che ogni anno contribuisce allo sviluppo delle conoscenze scientifiche nella parodontologia, nell’implantologia e nelle discipline medico-biologiche ad esse correlate. Oltre 1.000 gli iscritti ad oggi fra specialisti parodontali, dentisti generalisti, igienisti dentali e studenti.

Il titolo dell’edizione di quest’anno è “Orientarsi tra novità e terapie consolidate” per ricordare quanto sia fondamentale stabilire una diagnosi corretta per poter attuare la terapia più adeguata in funzione delle esigenze e delle caratteristiche del paziente.

Tra gli argomenti principali dell’ evento che riguarda tutti i professionisti della salute orale, in evidenza l’impatto in termini clinici e operativi della recente classificazione parodontale e l’approccio interdisciplinare alla terapia della parodontite di stadio IV. Per gli igienisti dentali è prevista una sessione dedicata all’approfondimento della gestione del paziente parodontale e del suo profilo di rischio.

L’evento, a causa dell’ emergenza sanitaria Covid-19,  “avrà un format televisivo con una formula nuova e originale – ha dichiarato il Dott.Luca Landi, presidente del congresso –  una piattaforma interattiva in grado di armonizzare sia l’esigenza di formazione dei professionisti della salute orale sia quella di confronto con gli operatori del settore”.

Per l’occasione al Palazzo dei Congressi saranno allestiti due studi virtuali in formato televisivo per la trasmissione in digitale di tutte le sessioni del congresso.

 

 

 

 

 

 

 

Exemple

Firenze, 25 settembre 2020. E’ stato presentato stamani Florence RE:Start , il nuovo studio dedicato al turismo congressuale a Firenze e il nuovo piano strategico messo in atto con il supporto di partner pubblici e privati per l’acquisizione di  congressi associativi internazionali dal 2023 in avanti. Secondo i dati Oice (Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi) Firenze nel 2019 ha ospitato quasi 15mila eventi per un totale di 1,5 milioni di presenze. All’interno di questa dinamica, l’obiettivo è quello di rilanciare il comparto congressuale internazionale, contraddistinto da una più elevata spesa media dei partecipanti (670 euro al giorno).

“Il settore congressuale – ha dichiarato Federico Barraco, presidente di Firenze Convention Bureau – deve essere uno degli asset strategici della ripresa del turismo a Firenze. Mai come adesso occorre fare sistema per far fronte ad una concorrenza che sarà sempre più agguerrita”.

“Stiamo lavorando su trenta candidature in via prioritaria nell’immediato futuro, per stimolare l’arrivo di nuovi congressi internazionali nei prossimi 3-5 anni” ha spiegato Carlotta Ferrari, direttrice del Firenze Convention Bureau.

“Come Amministrazione comunale – ha aggiunto Cecilia Del Re, assessora al Turismo del Comune di Firenze – insieme agli altri soci della fiera, stiamo seguendo lo sviluppo dei lavori per il polo fieristico, che crediamo essere il vero motore di ripartenza per un turismo di qualità nella nostra città”.

“Anche in questo periodo difficile – ha commentato Leonardo Bassilichi, presidente di Firenze Fiera – Firenze Fiera non si è mai fermata con una serie di investimenti programmati, risorse stanziate e progetti approvati oltre ad alcune attività realizzate proprio durante il lockdown, come il resyling del padiglione delle Nazioni. Siamo determinati ad andare avanti su questa strada”.

Firenze risulta fra le prime 40 città congressuali in Europa e si classifica al quarto posto nella sua categoria a fianco di città come Ginevra, Glasgow, Lione, Valencia, Goteborg, Amburgo, Rotterdam. Fra i punti di forza della nostra città, l‘attrattività della destinazione e l’ampia offerta ricettiva, che sarà ulteriormente arricchita con un agguerrito piano di incentivi creato ad hoc per l’acquisizione di congressi scientifici, in sinergia anche con il mondo accademico fiorentino.

 

Exemple

Firenze, 23 settembre 2020. Prosegue fino a venerdì 25 settembre in streaming IEEE RADAR CONFERENCE, la Conferenza internazionale annuale sui sistemi e sulle tecnologie radar, l’evento più completo al mondo sulle tecniche e applicazioni radar, che approda per la prima volta in Italia, a Firenze.

Oltre 600 i partecipanti provenienti da 42 Paesi, per la maggior parte da Stati Uniti e Paesi europei. Forte anche la presenza dalla Cina con ben 126 delegati collegati, per i quali è stato predisposto un canale web apposito per consentirne la visione, nonostante il blocco governativo.

Al Palazzo dei Congressi è stata allestita una sala di regia con la presenza live degli organizzatori in collegamento streaming con i partecipanti: il presidente onorario del congresso, Ing. Alfonso Farina, la Professoressa Maria Sabrina Greco e il Prof.Fulvio Gini (entrambi del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa), copresidenti dell’evento.

Alla cerimonia inaugurale è intervenuto Il Ministro dell’Università e della Ricerca, Prof. Gaetano Manfredi.

La lettura inaugurale è stata affidata all’Ing.Marco De Fazio in rappresentanza di Leonardo S.p.A, società presente anche nel territorio fiorentino nell’ex Officine Galileo di Firenze, simbolo di un percorso di eccellenza tecnologica che nasce nel lontano 1864 con la produzione di strumenti scientifici ed astronomici, per arrivare fino ai nostri giorni.

 

Exemple

Firenze, 15 settembre 2020. VERSO FIERA DIDACTA 2021 – Da eventi straordinari, cambiamenti straordinari è l’evento in streaming di FIERA DIDACTA ITALIA, che si svolgerà il 13 e 14 ottobre prossimo.

Due giorni di bilanci e progetti sulla trasformazione della scuola, un’occasione da non perdere per confrontarsi on line con gli specialisti del settore, per discutere insieme sul futuro della scuola e fare un primo passo verso FIERA DIDACTA 2021, che si terrà, per il quarto anno consecutivo, alla Fortezza da Basso di Firenze dal 17 al 19 marzo 2021.   

Quattro gli eventi in programma. Si parte martedì 13 ottobre (dalle 15.00 alle 17.00) con L’educazione prescolare nell’era della digitalizzazione: un necessario riorientamento. Al vaglio i molteplici ed inediti scenari aperti con la recente riforma che ha inserito lo 0-6 all’interno del sistema di istruzione in modo organico. Il tema dell’uso delle tecnologie nell’infanzia si è rivelato, alla luce dell’esperienza di questi mesi, un aspetto controverso che richiede un dibattito approfondito.

Si parlerà di Didattica in rete: il digitale come risorsa nella seconda sessione dei lavori (dalle 17 alle 19), dove verrà affrontata la tematica delle necessità di sfruttare le opportunità che il digitale ci ha fatto scoprire in questi mesi per cambiare il modello scolastico e l’organizzazione della didattica.

Architetture scolastiche per una nuova organizzazione della didattica è la tematica che apre la seconda giornata (mercoledì 14 ottobre dalle 15 alle 17). L’esperienza della pandemia, le opportunità del recovery fund, possono rappresentare un’occasione irripetibile di cambiamento strutturale. Cambiare gli ambienti rappresenta infatti un acceleratore importante per l’innovazione del modello scolastico: “Lo spazio insegna”.

Una scuola in mezzo al guado: l’autonomia scolastica incompiuta è l’ultimo evento della due giorni di VERSO FIERA DIDACTA 2021 (mercoledì 14 ottobre dalle 17 alle 19). Verranno affrontati i nodi spinosi dell’autonomia scolastica che dopo il suo varo risalente ad oltre 20 anni fa, è rimasta ancora largamente incompiuta. Una autonomia incompiuta rischia infatti di frenare processi di innovazione ormai irrinunciabili.

L’iscrizione all’evento è gratuita:

INFO: https://fieradidacta.indire.it/convegno-in-streaming-verso-fiera-didacta-2021/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Exemple

Firenze 2 settembre 2020. Con FLORENCE TREND, il nuovo salone B2B del Centro Italia riservato agli operatori dei settori Home Decor e Gift, in programma alla Fortezza da Basso da venerdì 11 a domenica 13 settembre 2020 (dalle 9,30 alle 19), riparte in totale sicurezza il calendario delle fiere nel quartiere fieristico-congressuale fiorentino.

Una manifestazione nuova nel portfolio degli appuntamenti fieristici di Firenze Fiera, una fiera che segna la ripartenza, una nuova occasione di rilancio per il settore e un segnale positivo per il mercato.

L’evento, promosso e organizzato da FiviT Srl (Fiera di Viterbo, con oltre 35 anni di esperienza nell’organizzazione di fiere di settore), sarà totalmente innovativo, studiato e realizzato con un format inedito e nuovi percorsi tematici per favorire, in totale sicurezza, nuove occasioni di business e matching fra espositori e visitatori. Protagonista assoluta al padiglione Cavaniglia e nelle sale dei Quartieri Monumentali l’eccellenza made in Italy e non solo dell’HOME DECOR e GIFT con le ultime tendenze e prodotti-novità nel campo dell’arredo casa, articolo da regalo, oggettistica, garden e outdoor, in un periodo dell’anno, il mese di settembre, strategico per i negozianti impegnati a programmare la stagione autunno/inverno 2020-2021 in arrivo.

Ripartiamo insieme con FLORENCE TREND: il salone nasce su richiesta e in sinergia con alcune delle più importanti imprese del comparto, offrendo l’opportunità di partecipare ad un evento di richiamo nazionale di tre giorni, con condizioni particolarmente vantaggiose per favorire l’incontro in fiera e il nascere di nuove idee e soluzioni vincenti.

Il salone aderisce al protocollo Firenze Fiera Sicura, il nuovo protocollo di sicurezza normativo e organizzativo varato da Firenze Fiera per la ripartenza in sicurezza degli eventi nel quartiere fieristico-congressuale fiorentino. Con FLORENCE TREND riparte la stagione delle fiere a Firenze – dichiara Leonardo Bassilichi, presidente di Firenze Fiera. “Condividiamo con gli organizzatori la volontà delle aziende di riprendere dal vivo l’attività fieristica, segno tangibile del forte desiderio del mercato di rimettere in moto il sistema di relazioni e business garantito dalle fiere, che rappresentano un importante strumento di politica industriale, generando nel nostro Paese un volume di affari annui di 60 miliardi di euro e dando origine a più del 50% dell’export nazionale.”

    INFO: florencetrend.it