Exemple

Firenze 10 maggio 2021. Da sabato 2 a martedì 5 ottobre 2021  si svolgerà al Palazzo dei Congressi il XXVI° CONGRESSO FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), la società scientifica che riunisce i medici internisti degli ospedali italiani, in prima linea da più di un anno per l’assistenza ai malati Covid.

Si tratta di un ritorno dal momento che il Congresso della Fadoi, una delle maggiori società scientifiche del nostro Paese, si era già svolto nel quartiere fieristico-congressuale fiorentino in tempi non sospetti di emergenza sanitaria, nel 2019, portando in città  oltre 2.000 delegati.  Nel prossimo mese di ottobre saranno invece 400 i partecipanti, provenienti da tutta Italia, un numero obbligatoriamente ridotto per rispettare i protocolli di sicurezza anti contagio.

Si tratta di un importante segnale di ripresa per il settore congressuale che torna a vivere in ‘presenza’ e per la città di Firenze che è riuscita ad avere la meglio su altre città candidate ad accogliere l’evento per una serie di vantaggi organizzativi, primo fra tutti essere stata in grado di offrire in soli 48 ore una proposta attrattiva e convincente sia per gli spazi congressuali all’interno di Villa Vittoria sia per l’accoglienza alberghiera, grazie ad un lavoro di squadra messo a punto in questi mesi da Firenze Fiera, Firenze Convention Bureau, l’ agenzia Planning Congressi di Bologna e gli albergatori.

Exemple

Firenze, 6 maggio 2021.  Villa Vittoria rivive oggi lo spirito del suo illustre proprietario, il conte Alessandro Contini Bonacossi collezionista e mecenate cosmopolita, grazie alla disponibilità e generosità di quattordici artisti toscani che hanno deciso di concedere in comodato gratuito a Firenze Fiera le loro opere. Un gesto che contribuisce ad arricchire l’elevato valore culturale e artistico di Villa Vitoria che innalzata fra il 1886 e il 1891 dall’allievo del Poggi, Gerolamo Passeri, per il marchese Massimiliano degli Strozzi di Mantova, venne ampliata nel 1925 su progetto di Giovanni Michelucci con il ‘Belvedere’, un piano rialzato che offre a congressisti, buyer e visitatori degli eventi una vista mozzafiato sui principali monumenti della città.

Nel 1931 la villa venne acquistata dal conte Alessandro Contini Bonacossi che vi stabilì la sua residenza con la moglie, Vittoria Galli (da qui il nome di Villa Vittoria) che lo affiancò nell’acquisto di capolavori d’arte dando vita ad una delle collezioni più prestigiose al mondo (oggi conservata agli Uffizi), nella quale non mancavano opere di artisti contemporanei quali De Chirico, Carrà, Sironi, Rosai, Spadini, Primo Conti, Soffici, Marino Marini. Gio’ Ponti, in quegli anni direttore artistico della manifattura Richard Ginori di Doccia, disegnò alcuni arredi e mobilia che ancora si conservano all’interno della villa.

Nella Galleria e in alcune sale al primo piano si possono oggi ammirare opere di Giovanni Maranghi, Paolo Staccioli, Giampaolo Talani, Franco Mauro Franchi, Andrea Stella, Elio De Luca, Lorenzo Bonechi, Franca Pisani, Fabio Calvetti, Luciano Pasquini, Francesco Nesi, Alessandro Reggioli, Marco Lodola e Venturino Venturi.

“Voglio ringraziare tutti gli artisti che hanno risposto con entusiasmo alla mia ‘chiamata’ – dichiara Lorenzo Becattini presidente di Firenze Fiera – e che con le loro opere stanno contribuendo a riportare la villa ai fasti originari e ad aggiungere cultura e bellezza ai nostri spazi. Si tratta di un primo passo verso una ulteriore valorizzazione dei nostri ambienti, unici nel panorama fieristico- congressuale italiano e a vantaggio di una maggiore e progressiva integrazione di Firenze Fiera con il tessuto culturale della città e del suo territorio”.

Domani (venerdì) alle ore 17,30 Lorenzo Becattini incontrerà gli artisti, nel rispetto del protocollo delle misure di sicurezza anti-Covid applicato da Firenze Fiera.

 

 

Exemple

Firenze, 2 maggio 2021. Si chiude stasera l’85° Mostra Internazionale dell’Artigianato, on line sulla piattaforma Emporio MIDA, la mostra che ha rappresentato, per nove giorni consecutivi, una vetrina web aperta sul mondo per più di un centinaio di artigiani (molti dei quali espositori abituali in Fortezza) che hanno deciso di non perdere il consueto appuntamento primaverile con la kermesse fiorentina, in attesa di ritrovarsi in presenza alla Fortezza da Basso nel 2022, dal 23 aprile al primo maggio.

“Sono molto felice di aver partecipato a Emporio MIDA, racconta Dante Crobu, titolare della ditta IAS (Industrie Artistiche Sarde). “Siamo una piccola azienda nata due anni fa con l’obiettivo di unire il design con l’artigianato d’eccellenza, portando alla luce quanto di moderno c’è nell’antico e riproponendolo oggi in una veste contemporanea. L’acronimo IAS – spiega Crobu – significa in sardo ‘via’. Vogliamo aprire una nuova strada per l’arte e il ‘fatto a mano’ nella nostra regione, dove ha lavorato anche Giò Ponti, e questa mostra, benché virtuale, ci ha aiutato a farci conoscere e portare avanti i nostri progetti”.

Roshanak Nouri è una grafica iraniana che vive e lavora a Firenze. Otta Italy è il marchio delle sue sciarpe in velluto, seta, lana o finissimo lino rifinite e colorate a mano, pezzi unici che giocano sulle infinite combinazioni e sfumature cromatiche, andati a ruba nelle scorse edizioni in Fortezza. “La mostra di Firenze è molto importante con la sua storia alle spalle di quasi un secolo. Sono molto contenta e orgogliosa di essere stata selezionata ed aver partecipato a Emporio MIDA, una vetrina virtuale molto elegante e ben fatta”.

Non ha dubbi Piera Iorio, direttrice dell’Agenzia Formativa presso il Polo Tecnologico di Navacchio (Pisa). “Portare la tradizionale mostra dell’artigianato sul web credo che sia stata un’impresa non facile ma alla fine ha rappresentato per tutti gli espositori una grande opportunità di visibilità. E’ importante continuare a investire anche su questo nuovo format della fiera che mi auguro non si perda ma vada ad arricchiere la prossima edizione in Fortezza nell’aprile 2022”.

Fra le tante iniziative che hanno contrassegnato questa edizione, grande successo ha riscosso la mostra CRAFT 4.0, curata dal dipartimento di Architettura – Design Campus dell’Università di Firenze, così come l’iniziativa La Fortezza come non l’avete mai vista a cura di Firenze Fiera e l’Associazione Muse che ha permesso ai visitatori virtuali di farsi accompagnare da guide esperte all’interno della Fortezza di San Giovanni, alla scoperta dei suoi spazi più nascosti come i Sotterranei.

Per i nostalgici della mostra fiorentina è stato possibile ripercorrere alcuni dei momenti più significativi della mostra grazie ad alcuni storici pannelli fotografici e didascalici del Fondo Archivistico dell’Ente Mostra Artigianato, gentilmente concessi dall’Archivio della Regione Toscana.

L’appassionante tributo a Philippe Daverio a cura di Jean Blanchaert e di chi è stato al suo fianco nella vita privata e professionale ha chiuso questa ultima giornata, ricordando un grande personaggio scomparso di recente, innamorato di Firenze, delle sue botteghe e assiduo frequentatore della mostra in Fortezza, così come l’Omaggio a Felice Botta e a Andrea Fedeli hanno rappresentato un doveroso riconoscimento a chi da sempre ha partecipato alla mostra, prima al Parterre e poi in Fortezza.

“Chiudiamo questa 85sima edizione della mostra all’insegna dell’ottimismo – dichiara Lorenzo Becattini. presidente di Firenze Fiera – con un riscontro positivo di gran parte degli artigiani che hanno voluto seguirci anche in questa nuova avventura, presentando una selezione delle loro creazioni più belle e rappresentative. L’artigianato italiano d’eccellenza ha continuato a raccontarsi e ad appassionare, come risulta dai numerosi accessi registrati non solo dall’Italia ma anche da vari paesi esteri come Stati Uniti, Giappone, Brasile, Spagna, Francia e Cipro”.

“In questa fase di ripartenza del nostro Paese – conclude Becattini – è quindi importante radicare sempre più il concetto di un artigianato di qualità che, forte di una memoria storica di vecchi saperi e di un presente di innovazione tecnologica, sia in grado di rappresentare un patrimonio culturale, economico e di bellezza da tutelare e sostenere contro le sfide della globalizzazione”.

Exemple

Firenze, 26 aprile 2021. Terminato il primo lotto  dei lavori di restauro alle mura della Fortezza, avviati a dicembre 2019, riguardanti la cortina muraria relativa al Bastione Bellavista e la porzione prospiciente il Piazzale Montelungo. Questa parte oggi restaurata va ad aggiungersi a quelle già liberate in precedenza dai ponteggi ed in particolare la cannoniera, di cui quella sul lato nord ancora visibile nella sua configurazione originale, con la postazione della bocca di fuoco posta  a difesa della cortina muraria. Da ultimare la pavimentazione del camminamento di ronda sulla sommità del Bastione Bellavista.

Il restauro delle cortine murarie, progettato e diretto dai tecnici della Direzione Servizi Tecnici-Servizio Belle Arti e  Fabbrica di Palazzo Vecchio del Comune di Firenze, è stato eseguito sotto la diretta supervisione della Soprintendenza (Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Firenze e le Province di Pistoia e Prato) e con la collaborazione del CNR.

In corso di progettazione da parte del Comune di Firenze  gli altri due lotti di lavori sui paramenti murari del fortilizio di San Giovanni Battista: il primo che interessa  il tratto murario che prosegue dalla fine degli attuali lavori, gira intorno al Bastione Rastriglia e raggiunge l’ingresso principale della Fortezza. Il secondo lotto riguarda invece il tratto che dall’ingresso si dirige verso la vasca ed è comprensivo del Mastio.

In programmazione anche i lavori al padiglione Cavaniglia che verrà ampliato e trasformato il tetto in modo da dare la possibilità di completare il camminamento di ronda in un tratto in cui non esiste più. Si interverrà anche per una rifunzionalizzazione del Padiglione Machiavelli a fini fieristici.

 

Exemple

Firenze, 22 aprile 2021. La Fortezza degli artigiani approda sul web. Si apre sabato 24 aprile sulla vetrina digitale di Emporio MIDA, la 85° Mostra Internazionale dell’Artigianato, un’edizione speciale e inedita che dopo ottantaquattro anni di vita e storie di successo, si trasferisce on line in attesa del ritorno alla fiera fisica, che si svolgerà alla Fortezza da Basso, dal 23 aprile al primo maggio 2022.

Per nove giorni consecutivi,  da sabato e fino a domenica 2 maggio,  un centinaio di espositori selezionati di vari settori merceologici – dall’abbigliamento e accessori ai complementi di arredo, dal design alle creazioni di gioielleria e alta bigiotteria, dai manufatti di artigianato artistico e internazionale ai prodotti enogastronomici per palati sopraffini – presenteranno on line le loro opere, pezzi unici fra il ‘saper fare’ di botteghe storiche e le spinte avveniristiche dei Maker, portavoci  dell’artigianato del futuro.

La mostra è gratuita e aperta a tutti: basterà un click su Emporio MIDA (emporiomida.mostrartigianato.it) per entrare in contatto diretto con gli artigiani, visualizzarne l’attività, selezionare e scegliere le opere più belle fra le immagini fotografiche, video e cataloghi pubblicati on line.

Ricco il cartellone degli eventi messi in campo da Firenze Fiera in collaborazione con personalità del mondo delle istituzioni e delle associazioni e grazie al supporto di un Comitato scientifico formato da esponenti di spicco, su scala nazionale, nel campo della cultura, dell’artigianato artistico e dell’arte.

La mostra si aprirà ufficialmente sabato 24 aprile alle ore 12 con la cerimonia inaugurale che verrà trasmessa in diretta dalla Sala Verde di Villa Vittoria alla presenza di Lorenzo Becattini, presidente di Firenze Fiera, Eugenio Giani, presidente della Giunta Regionale Toscana Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze, Federico Gianassi, assessore al Bilancio e alle partecipate del Comune di Firenze, Giacomo Cioni, presidente di CNA Firenze, Paolo Gori, vicepresidente di Confartigianato Firenze, Modererà l’evento Tamara Ermini, vicepresidente di Firenze Fiera.

Fra le varie iniziative della prima giornata di mostra, riflettori puntati sul convegno L’artigianato è futuro che dalle ore 12,45 alle ore 14,45 riunirà in una tavola rotonda ‘virtuale’ i componenti del Comitato scientifico per un confronto costruttivo e stimolante sull’artigianato che sarà. Si parlerà delle relazioni fra artigianato come elemento di valorizzazione del genius loci e il territorio, del ruolo dell’artigianato nell’identità delle fiere post pandemia,  delle possibili relazioni e ibridazione fra il ‘fatto a mano’ e la cultura del progetto, del rapporto con le nuove tecnologie e il mondo del design, dei progetti a sostegno delle botteghe storiche e delle nuove generazioni di artigiani, delle idee per il rilancio dell’artigianato artistico toscano e delle potenzialità e del ruolo delle gallerie di artigianato artistico nel mondo.

“Questa nuova edizione della mostra si apre con una forte connotazione di rinascita e ripartenza per il comparto artigiano”, dichiara Lorenzo Becattini presidente di Firenze Fiera.  “Ci auguriamo di essere riusciti a trasferire on line le aspettative di tanti fiorentini e appassionati della cultura del bello che negli anni hanno vissuto la mostra come un appuntamento fisso e irrinunciabile con il piacere e l’emozione di trascorrere, ogni anno, una giornata di primavera alla Fortezza a contatto diretto con le creazioni più belle dei maestri artigiani di tutto il mondo”.

“Proprio per questo – conclude Becattini – a fianco della vetrina commerciale e degli eventi culturali in calendario, abbiamo voluto offrire ai visitatori virtuali di Emporio MIDA la possibilità di ripercorrere alcuni dei momenti storici più importanti della mostra grazie alla collaborazione dell’Archivio della Giunta Regionale Toscana che ha messo a disposizione una selezione di pannelli fotografici del Fondo Archivistico dell’Ente Mostra Artigianato. Per i nostalgici della Fortezza sarà inoltre possibile assistere ad una visita guidata negli ambienti più esclusivi e nascosti con un racconto quanto mai intrigante del fortilizio mediceo, sede dal 1978 della mostra”.

“Abbiamo organizzato questa edizione 4.0 – afferma Tamara Ermini vicepresidente di Firenze Fiera – in modo che espositori e visitatori possano sentirsi il più possibile coinvolti, come si trovassero realmente in Fortezza. Sarà un’edizione nuova e insolita ma ricca di incontri ed eventi come la mostra CRAFT 4.0 sugli scenari futuribili dell’artigianato, l’omaggio a due storici espositori, Felice Botta e Andrea Fedeli, il tributo a Philippe Daverio frequentatore di numerose edizioni in Fortezza e appassionato sostenitore della valorizzazione dell’artigianato artistico italiano”. “Con Extra MIDA, conclude Tamara Ermini, un progetto che parte adesso e che prosegue fino alla prossima edizione della fiera ad aprile 2022, entreremo dal vivo in otto botteghe artigiane con performance musicali che creeranno un’interazione esclusiva e coinvolgente fra il mondo dell’alto artigianato, fiore all’occhiello del made in Italy nel mondo, e quello universale della musica”.

https://emporiomida.mostrartigianato.it

Exemple

Firenze, 21 aprile 2021. Giovedì 22 aprile, in occasione della Giornata Mondiale della Terra, dalla sala funzionale di Palazzo Chigi si svolge il terzo webinar che anticipa l’Earth Tech Expo, la vetrina della transazione ecologica e digitale dell’Italia, in  programma alla Fortezza da Basso di Firenze dal 13 al 16 ottobre (ingresso gratuito)  e che avrà al centro la questione climatica con la mitigazione e l’adattamento, la presentazione di analisi e modelli con proiezioni sulle aree e i settori produttivi e i sistemi economici a rischio.

Il webinar presenterà un completo quadro dei rischi e proporrà il quadro delle opportunità da cogliere. La Commissione Europea e il Governo italiano sono infatti impegnati nel lancio del Next Generation Ue, il piano finanziario per la transizione ecologica e digitale che sarà tradotto in un insieme di nuove e straordinarie opportunità di lavori, cantieri, innovazioni tecnologiche, utilizzo delle enormi opportunità delle Reti 5g, come driver strategico per aumentare controlli anche in real time e sicurezza dai grandi rischi naturali.

Il webinar è coordinato da Mario Tozzi con Debora Coccio. Fra i partecipanti anche Lorenzo Becattini, presidente di Firenze Fiera insieme a Teresa Bellanova, Viceministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, Fabrizio Curcio, Capo Dipartimento della Protezione Civile, Erasmo D’Angelis, Segretario Generale Autorità di Bacino Distrettuale dell’Italia Centrale, Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Franco Violo, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi.

Exemple

Firenze, 8 aprile 2021. L’edizione 2021 di MIDA – Mostra Internazionale dell’Artigianato si sposta in digitale mantenendo invariate le date ‘classiche’ di svolgimento della manifestazione, dal 24 aprile al 2 maggio.

L’evento si terrà su Emporio MIDA (emporiomida.mostrartigianato.it), la vetrina on line lanciata da Firenze Fiera nel giugno 2020 con l’obiettivo di sostenere 365 giorni all’anno le eccellenze dell’artigianato italiano e internazionale. favorendo il matching fra espositori, visitatori e buyer, con il supporto anche dei canali social della fiera (Facebook, Instagram e YouTube).

L’ammissione alla kermesse digitale è gratuita e riservata a tutti gli espositori già presenti alle ultime due edizioni di MIDA e ai nuovi artigiani che verranno selezionati mediante candidatura dal sito: www.mostrartigianato.it.

Sarà un’edizione speciale, rivolta a quanti hanno a cuore la ripartenza e il futuro dell’artigianato, settore tanto ereditario quanto innovativo, da sempre fiore all’occhiello del made in Italy nel mondo, che ha risentito fortemente della crisi pandemica ed economica di questi tempi. In campo una selezione di artigiani d’eccellenza che presenteranno on line i loro manufatti, le loro creazioni più rappresentative e innovative, in attesa del ritorno alla fiera fisica che si svolgerà con tutta la sua forza attrattiva e carica emozionale nei padiglioni espositivi e nelle Sale Monumentali della Fortezza da Basso dal 23 aprile al primo maggio 2022.

Da sabato 24 aprile a domenica 2 maggio sotto l’egida di MIDA – 85^ Mostra internazionale dell’Artigianato il pubblico potrà registrarsi sul sito della mostra e partecipare gratuitamente ad un ricco palinsesto di eventi on line realizzati con la partecipazione di personalità del mondo delle istituzioni, delle associazioni e grazie a quegli operatori di cultura attivi nel campo della bellezza del ‘fatto a mano’. La piattaforma proporrà un caleidoscopio di incontri e convegni, mostre 4.0, visite guidate virtuali al ‘fortilizio mediceo’ e performance in bottega, eventi di approfondimento e intrattenimento in collaborazione con alcune delle principali istituzioni culturali del territorio.

Si intitola CRAFT 4.0 la mostra curata dal Dipartimento di Architettura – Design Campus dell’Università di Firenze che presenterà uno spaccato a 360° sugli scenari futuribili che nascono dall’incontro fra ‘fatto a mano’, design e tecnologie d’avanguardia, declinati su cinque categorie: Natura/Lavoro/Uomo/Patrimonio culturale/Community. 

La Fortezza come non l’avete mai vista è l’iniziativa a cura di Firenze Fiera e l’Associazione Muse con visite guidate virtuali al fortilizio mediceo (dal 1978 sede espositiva della Mostra dell’Artigianato) che aprirà le sue porte per un racconto puntuale ed intrigante sulla storia del monumento, mostrando la bellezza anche dei suoi spazi più nascosti come i Sotterranei, il percorso che, con la ripartenza delle attività in presenza, sarà nuovamente visitabile per un’esperienza irripetibile all’interno delle viscere della Fortezza di San Giovanni.

Grazie alla collaborazione dell’Archivio della Regione Toscana, che metterà a disposizione alcuni pannelli fotografici del Fondo Archivistico dell’Ente Mostra Artigianato, sarà inoltre possibile ripercorrere alcuni dei momenti più significativi della mostra, dalle origini, nel marzo 1931, ai giorni nostri.

Fra le tante iniziative on line, acquista un valore culturale l’omaggio a due grandi artigiani fiorentini e storici espositori della mostra: Felice Botta, sensibile creatore di originali sculture in legno povero e materiali di recupero (come la facciata di Santo Spirito riprodotta in ogni foggia e colore, come pegno d’amore per la sua città dove era nato nel 1931) e Andrea Fedeli, terza generazione di una famiglia di restauratori, conosciuto in tutto il mondo per le sue importanti opere di restauro, tutela e valorizzazione di beni storico-artistici.    

Da non perdere anche l’iniziativa curata da Jean Blancheart, dedicata a Philippe Daverio, storico dell’arte, saggista, divulgatore televisivo e fino alla sua scomparsa, nel settembre scorso, direttore scientifico della rivista Art & Dossier, da sempre sostenitore dell’importanza di un progetto culturale 8di educazione alla bellezza e all’unicità dell’artigianato artistico italiano come antidoto alla globalizzazione del terzo millennio.

Per mantenere sempre vivo il rapporto con le botteghe artigiane Emporio MIDA presenterà il progetto Performance in bottega che prevede la realizzazione di performance artistiche all’interno di altrettanti laboratori artigiani in città e nei comuni limitrofi. L’obiettivo è quello di creare una connessione esclusiva fra il mondo dell’artigianato e quello dello spettacolo e della musica, due settori fortemente colpiti dalla crisi economica. La prima performance con brani di musica classica sarà visibile su Emporio MIDA dal 24 aprile. Protagonisti alcuni fra i più accreditati maestri artigiani che duetteranno con musicisti ed artisti di fama nazionale ed internazionale. La programmazione si concluderà con uno spettacolare evento live nel ‘palcoscenico’ della Fortezza da Basso nell’aprile 2022.

https://emporiomida.mostrartigianato.it

Exemple

Firenze, 7 aprile 2021. Si apre domani, giovedì 8 aprile, alle ore 15,00  la Giornata mondiale della Meeting Industry (GMID) con importanti momenti di formazione e networking e la presenza on line dei principali operatori della filiera nazionale e internazionale degli eventi. Riflettori puntati  sulle best practice e sugli studi scientifici e approfondimenti a sostegno della ripartenza. Fra i temi al vaglio quello della sicurezza negli eventi MeetSafe declinato nel claim “Meetings are Safe” che dà nome all’evento.

Nel corso dell’incontro  saranno presentate alcune case history candidate ad essere best practice per la ripartenza degli eventi: dall’esperimento olandese delle scorse settimane, presentato da MaartenSchram, Founder e CEO LiveComAlliance, e Thijs Peters, Presidente MPI The Netherlands Chapter, alle analoghe iniziative sperimentali di successo in Spagna, presentate da Jorge Rubio Navarro, Direttore Turespaña – Ufficio del Turismo Spagnolo Roma fino alla testimonianza tutta italiana di Firenze Fiera con Ilaria Da Frassini, Responsabile Ufficio Congressi che si farà portavoce del successo del XXXVII^ Congresso nazionale CONOSCERE E CURARE IL CUORE svoltosi  dal 1 al 4 ottobre 2020 alla Fortezza da Basso.

“E’ assolutamente possibile organizzare eventi in totale sicurezza – dichiara Ilaria Da Frassini  – come avvenuto durante l’ultimo congresso di cardiologia svoltosi a Firenze Fiera che ha riunito 1500 cardiologi provenienti da tutta Italia, grazie al lavoro del nostro staff e dei nostri partner ma soprattutto grazie ad un cliente ottimista e coraggioso che ha creduto in noi affidandosi scrupolosamente al nostro protocollo Firenze Fiera Sicura”.

“La certezza – ha concluso Da Frassini – è che c’è in tutti una grande voglia di ripartire e che il nostro settore è già pronto ad accogliere i partecipanti nel totale rispetto delle regole”.

 

 

 

 

 

Exemple

Firenze, 19 marzo 2021 – Si chiude stasera la quarta edizione di FIERA DIDACTA ITALIA con al suo attivo 658 eventi totali fra seminari, convegni, webinar e workshop immersivi e 16.000 ore formative erogate ai docenti.

Tante le nuove iscrizioni a questa edizione, che si è svolta interamente on line. Successo per le nuove sezioni formative come gli eventi dedicati alla scuola dell’infanzia 0-6, l’iniziativa Fare, non provare che ha messo in campo per la prima volta centinaia di dirigenti scolastici, il progetto Didacta in classe con il coinvolgimento entusiasta di intere classi di studenti, che per il primo anno hanno partecipato attivamente alla mostra.

Una edizione che, nell’area DIDACTA GREEN grazie alla partecipazione di tutti i protagonisti, ha messo al centro del dibattito formativo l’educazione ambientale, la difesa del pianeta, l’economia circolare e l’innovazione verde con un articolato programma di incontri, workshop e buone pratiche di sostenibilità.

Fra i relatori illustri, il segretario del Partito Democratico Enrico Letta (che ha preso parte al Convegno Educazione alla cittadinanza attiva e all’evento Musica e futuro virtuale promosso e organizzato dalla Scuola di Musica di Fiesole), Andreas Schleicher, Responsabile OCSE di Pisa, la virologa Ilaria Capua, il giurista Gherardo Colombo, l’attore e regista Alessandro Gassmann, la vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera, Rossella Muroni.

Nella passerella virtuale di Didacta Italia 2021 sono saliti anche tanti giovani con le loro storie, i loro sogni da raccontare e condividere con le nuove generazioni come il cantante ex professore di matematica Lorenzo Baglioni e Linda Raimondo, la ragazza ‘spaziale’ aspirante astronauta, studentessa di Fisica all’Università di Torino che ha parlato di “Scienze, Sogni, Materie Stem e Futuro”.

“Questa edizione interamente on line della mostra – ha affermato Lorenzo Becattini presidente di Firenze Fiera – è stata un’esperienza nuova, bella, affascinante e complessa e ha confermato come FIERA DIDACTA ITALIA rappresenti il più importante appuntamento annuale sull’innovazione della scuola italiana. Desidero pertanto ringraziare il Comitato organizzatore, Indire, tutti i nostri sponsor, partner e le aziende che ci hanno sostenuto oltre ai relatori, ai docenti iscritti e quei giovani che per il primo anno hanno partecipato alla fiera”.

“La prossima edizione – conclude Becattini – si svolgerà in presenza dal 10 al 12 marzo 2022 alla Fortezza da Basso, che sarà ancora una volta, con Firenze e la Toscana, crocevia dei percorsi  formativi e innovativi della scuola del nostro Paese”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Exemple

Firenze 25 febbraio 2021. Tutto è pronto per la quarta edizione di Fiera Didacta Italia, il più importante appuntamento in Italia sull’innovazione della scuola in Italia, on line da mercoledì 16 a venerdì 19 marzo.

La mostra, che si è svolta nelle edizioni precedenti alla Fortezza da Basso di Firenze e che tornerà in forma fisica nel 2022, presenta un programma scientifico coordinato da INDIRE e coinvolge attivamente le più prestigiose realtà italiane e internazionali nel campo dell’istruzione e della formazione, insieme ai Ministeri dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca.

In programma circa 160 eventi, tra convegni, workshop immersivi e seminari, che affrontano varie tematiche, dall’ambito scientifico e umanistico a quello tecnologico, fino allo spazio dell’apprendimento. Il programma è suddiviso per diverse tipologie di attività rivolte ai dirigenti, agli insegnanti delle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e di secondo grado, al mondo della ricerca e a quello universitario.

Fra le numerose iniziative in programma segnaliamo quelle dedicate alla musica rivolta ai docenti della primaria, secondaria di I e II grado. “Che lingua parla la Musica? Come fa a raccontarci le cose? Spunti per un ascolto consapevole ma libero” è il seminario in programma martedì 16 marzo dalle ore 13 alle ore 15 nel quale si parlerà del valore della musica come linguaggio universale, capace di raccontare solo realtà astratte e invisibili; da qui l’importanza di indirizzare gli alunni verso un ascolto libero della musica.

Sempre martedì 16 marzo alle ore 18,30 si apre l’evento “Progettare una unità di apprendimento interdisciplinare con la musica: come e perché”, durante il quale verrà presentato un modello di progettazione, attraverso una guida che tiene conto delle varie fasi di apprendimento, con alcuni esempi di possibili azioni didattiche musicali, anche in una prospettiva nuova, di didattica integrata.

“Pedagogia Hip Hop”, è il seminario di mercoledì 17 marzo (orario 13,30 -15) che pone al centro la valenza pedagogica della cultura hip-hop, che comprende, tra altre forme espressive, la musica rap, il genere più ascoltato attualmente dai più giovani.

Alle ore 11,00 di mercoledì 17 marzo Ilaria Capua presenterà “Il viaggio segreto del virus”, il suo nuovo libro dedicato ai ragazzi alla scoperta delle creature più piccole, dispettose e sorprendenti dell’universo. L’autorevole scienziata, direttrice del Centro di eccellenza One Health dell’Università della Florida insieme a Marco Cattaneo, Direttore di Le Scienze e National Geographic, ci accompagnerà in un sorprendente viaggio alla scoperta di quei 11 virus che nel corso dei secoli hanno cambiato la storia dell’umanità, Virus che viaggiano, si trasformano e tornano a galla quando sembravano scomparsi per sempre. Grazie a questo libro i virus diventano affascinante materia di scoperta del mondo naturale utilizzando un linguaggio idoneo all’apprendimento dei più giovani.

Dalla pandemia al post: competenze e risorse psicologiche per una scuola al centro della società è il convegno in programma giovedì 18 marzo (dalle ore 14 alle 16,00) promosso e organizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, con la partecipazione del presidente dell’Ordine David Lazzari. Livia Gigliuta dell’Istituto Piepoli, Matteo Lancini dell’Università degli Studi Milano Bicocca e Daniela Lucangeli dell’Università degli Studi di Padova.

 

                                                                                                                                                        www.fieradidacta.it